Oggi è giovedì 21 febbraio 2019, 0:01



Rispondi all’argomento  [ 69 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5
 Marina di Bibbona - persecuzioni e denunce 
Autore Messaggio
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3912
Rispondi citando
Mai leggere i commenti! Un amico giornalista mi diceva che la possibilità di scrivere commenti anonimi sembra scatenare gli istinti peggiori dei peggio frustrati...
Ad ogni modo mi pare che ci siano opinioni opposte (anche se entrambe esposte in maniera, diciamo...non molto urbana!)
Comunque, grazie per la condivisione del pessimismo! ;)

_________________
nemo


giovedì 24 gennaio 2019, 15:24
Profilo
Habitué
Habitué
Avatar utente

Iscritto il: sabato 26 maggio 2012, 23:11
Messaggi: 302
Località: Trentino
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
personalmente reputo che leggere i commenti sui vari quotidiani sia molto istruttivo (fatto salvi quelli dei soliti troll, ovviamente)
Ci si rende perfettamente conto di come parecchie persone abbiamo la mente piuttosto chiusa e di come siano succubi della credenza/pensiero più o meno propria...

Anam


giovedì 24 gennaio 2019, 22:47
Profilo
Turista
Turista

Iscritto il: martedì 20 marzo 2018, 19:50
Messaggi: 4
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Una notizia pubblicata da pochi giorni:
Due naturisti vincono il ricorso che contesta una maxi multa per atti contrari alla pubblica decenza.

È successo a Cecina, in Toscana, il 10 gennaio scorso, quando il giudice di pace ha accolto la richiesta dei due nudisti.

I fatti risalgono all’estate del 2017. Siamo nella zona della Fossa Camilla, tra Marina di Bibbona e Castagneto Carducci. Questo lembo di mare è da sempre meta degli appassionati di naturismo nonostante manchi, tutt’oggi, l’approvazione formale da parte dell’amministrazione comunale.

Da qualche giorno, i cittadini del posto segnalano un aumento del fenomeno dell’abusivismo commerciale con vendita di capi d’abbigliamento contraffatti portato avanti da sei cittadini extracomunitari. Ed ecco che, la mattina del 21 luglio, scatta il maxi blitz sull’arenile castagnetano.

L’azione lampo è anche l’occasione per beccare cinque turisti del nord Italia che, completamente nudi, si aggiravano sul tratto di mare coinvolto nel blitz disposto dalla questura di Livorno. Tre di essi erano intenti a fare il bagno mentre gli altri due erano impegnati a prendere la tintarella.

Gli agenti della municipale di Castagneto li sanziona tutti con una multa complessiva di 16.666 euro (ovvero 3.333 euro ciascuno) per aver violato l’articolo 726 del Codice penale.

Il processo
Mentre dei tre non si ha alcuna notizia circa la contestazione o meno della multa, la coppia si rivolge all’Associazione Naturista Italiana (A.N.ITA.) che subito si schiera dalla parte dei multati. La strategia di difesa prevede di portare, nell’aula del giudice di pace di Cecina, quindici persone pronte a testimoniare che, in quel tratto di mare della provincia di Livorno, la pratica del naturismo era ormai consolidata da tempo e quindi una consuetudine.

Anche la sindaca di Castagneto, Sandra Scarpellini, e quello di Bibbona, Massimo Fedeli, sono stati chiamati a testimoniare visto che, l’associazione, da tempo si era rivolta a queste due figure istituzionali per ottenere l’autorizzazione ad aprire la spiaggia ai naturisti.

Una difesa che ha ottenuto i risultati sperati visto che il giudice di pace, qualche giorno dopo l’inizio di gennaio, ha annullato la maxi sanzione. Nonostante le motivazioni della sentenza non siano ancora note, Giampietro Tentori, presidente di A.N.ITA. parla di "una vittoria del movimento naturista, che scrive un’altra pagina della sua storia. Una storia che stiamo costruendo insieme con un cammino che è fatto di partecipazione, condivisione e sostegno". Una vittoria, insomma, che va ad impreziosire la sentenza della Terza sezione penale della Corte di Cassazione (n. 3557 del 2000), secondo la quale il naturismo non è da considerare indecente se praticato in luoghi adatti.

Naturismo libero
L’Associazione Naturista Italiana ha anche istituito un fondo di solidarietà per chiunque voglia presentare ricorso in caso di multa. In tal caso, si seguirebbe lo stesso iter adottato per la coppia che ha vinto il ricorso: ci si opporrebbe alla sanzione ricorrendo al prefetto o al giudice di pace.

Lo stesso Tentori afferma che l’obiettivo è quello di giungere a chiedere la depenalizzazione della pratica del naturismo a favore della libertà.


sabato 9 febbraio 2019, 22:10
Profilo
Assiduo
Assiduo
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 651
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Non corrisponde al vero Liberoalsole scrivere “Gli agenti della municipale di Castagneto li sanziona tutti con una multa complessiva di 16.666 euro (ovvero 3.333 euro ciascuno) per aver violato l’articolo 726 del Codice penale”.

Riscrivo ancora la mia interpretazione che ritengo giusta sulla procedura che si segue in questo caso
Gli agenti possono solo fare un verbale sul posto da inoltrare al Prefetto che poi deciderà come procedere.
Il verbale della forza pubblica se non viene subito stracciato, arriverà al tavolo del Prefetto che poi se ritiene sia fondato invierà una notifica al sospettato con l’importo della sanzione amministrativa da pagare con la possibilità di pagare in forma ridotta entro 30 giorni dalla notifica, per una cifra di 3333€ ( la stessa sanzione anche per il maniaco che magari si masturbava). Il naturista sospettato può fare ricorso inviando uno scritto a sua difesa o chiedere di essere sentito dal Prefetto entro 30 giorni. Il Prefetto successivamente se vuole sente ancora la forza pubblica intervenuta e decide sul merito. Se il Prefetto decide per la sanzione il naturista può fare ricorso al Giudice di pace ed anche alla Cassazione.
Nessun ricorrente, mi risulta, sinora ha ottenuto sentenza negativa dal Giudice di pace che ritengo sia difficile una condanna per il naturista che da decenni ha solo ottenuto sentenze a suo favore se praticava in aree note e negl’anni è solo cambiato la quantità dell’ammenda quando l’art.726 era considerato penale ed ora prevede una sanzione elevata come sanzione amministrativa.
La magistratura ha sempre assolto il naturista in aree note sin dagl’anni 70 e ricordo che la Cassazione nel 2000 ha scritto favorevolmente nella motivazione di due sentenze: la n° 3557 e la n° 1765 dove è scritto: “la nudità dei genitali può assumere un diverso rilievo penale in funzione del contesto oggettivo e soggettivo in cui è concretamente inserita: così può configurare un atto osceno, quando esprime, anche psicologicamente, un istinto sessuale; ma può semplicemente costituire un atto contrario alla pubblica decenza, quando è mero esercizio della funzione fisiologica dell'urinare; o addirittura sfugge a qualsiasi rilevanza penale se è inserita in un contesto pedagogico o didattico (es. durante una lezione di anatomia o di educazione sessuale) ovvero in particolari contesti settoriali (per es. di tipo naturista o salutista)”.

Mi pare , inoltre, che la funzione dell’ente locale che destina un’area ai naturisti con delibera od ordinanza fa capire meglio alla forza pubblica che nelle aree note il naturismo non va, come ha detto la magistratura, contro la legge ma non esiste obbligo d’intervento dell’ente locale e non è previsto da alcun regolamento od altro.

Per chiudere dico che c’è il Prefetto che decide di sanzionare e c’è il Prefetto che dopo aver visto i naturisti troppo ravvicinati sulla spiaggia della Bassona poi chieda all’autorità competente ed ottenga che lo spazio per i naturisti sia ampliato.

Per me la Forza pubblica è intervenuta più volte (forse ho qualche nemico che la chiama): ri risulta che abbia fatto, dal 2016, tre verbali ma nessuna notifica mi è giunta dal Prefetto.


domenica 10 febbraio 2019, 18:17
Profilo
Turista
Turista

Iscritto il: martedì 20 marzo 2018, 19:50
Messaggi: 4
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Ciao riportavo l'articolo uscito su " il Tirreno"
il link: http://iltirreno.gelocal.it/cecina/cron ... 1.17672964


lunedì 11 febbraio 2019, 11:57
Profilo
Assiduo
Assiduo
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 651
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Molto complicato questo processo ai naturisti : tre cause e tanto tanto tempo pergiungere ad una futura motivazione della sentenza.
Quanto sarà costato ai naturisti ed al resto dei cittadini italiani?

Io farei una protesta per chiedere una giusta giustizia davanti alMinistero ma, forse, a nessuno interessa: basterebbero poche persone.


lunedì 11 febbraio 2019, 16:06
Profilo
Celebrità
Celebrità
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 febbraio 2006, 13:51
Messaggi: 2380
Località: Direttrice nord-est/sud-ovest
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
fidenzio ha scritto:
Io farei una protesta per chiedere una giusta giustizia davanti alMinistero ma, forse, a nessuno interessa: basterebbero poche persone.


Mi pare che i problemi della giustizia non siano limitati al naturismo. Se fosse ingiusta solo in questi casi saremmo a cavallo...

_________________
La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l'occasione.


martedì 12 febbraio 2019, 9:22
Profilo
Assiduo
Assiduo
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 651
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Quindi r100gs, se intendo bene, siccome i problemi della Giustizia sono tanti, non si deve far nulla per affrontare uno dei probemi che ritieni minori mentre io considero grave accanirsi contro una minoranza che viene sempre assolta quando denunciata in aree note.


martedì 12 febbraio 2019, 12:00
Profilo
Celebrità
Celebrità
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 febbraio 2006, 13:51
Messaggi: 2380
Località: Direttrice nord-est/sud-ovest
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
fidenzio ha scritto:
Quindi r100gs, se intendo bene, siccome i problemi della Giustizia sono tanti, non si deve far nulla per affrontare uno dei probemi che ritieni minori mentre io considero grave accanirsi contro una minoranza che viene sempre assolta quando denunciata in aree note.


Intendi male, caro Fidenzio. Se si arriverà ad ottenere una giustizia "giusta" saranno automaticamente risolti anche i problemi dei nudisti. Cercare di risolvere una piccola parte di un problema molto più grande è tempo sprecato.

PS.: per quanto mi riguarda non accetto nemmeno di essere considerato una "minoranza" per il solo fatto che prendo il sole senza costume. Il fatto che una persona possa decidere autonomamente quali parti del suo corpo esporre al sole lo considero un diritto universale dell'uomo. Nel mio piccolo mi sono sempre battuto e mi batto affinché venga riconosciuto questo diritto, non certo per il diritto di una minoranza.

_________________
La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l'occasione.


martedì 12 febbraio 2019, 15:57
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 69 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010