Oggi è sabato 27 novembre 2021, 3:51



Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
 Idroterapia, Kneipp e talassoterapia 
Autore Messaggio
eXtraModeratore
eXtraModeratore
Avatar utente

Iscritto il: martedì 7 febbraio 2006, 23:00
Messaggi: 4586
Località: Oggi qui Domani là
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Immagine


L'idroterapia impiega l'acqua come metodo di cura e prevenzione ed è pertanto uno dei rimedi più antichi.
In particolare l'acqua fredda veniva usata sin dalla preistoria per lenire i dolori, disinfettare le ferite e combattere le emmoragie.
Nell'antica Grecia si faceva un gran uso di bagni ed impacchi, soprattutto dopo che Ippocrate aveva diffuso i suoi fondamenti.
Egli considerava l'idroterapia un ottimo metodo terapeutico ed i bagni (sia caldi che freddi) seguivano regole molto precise.
Alcuni dei procedimenti messi in atto da Ippocrate trovano ancora applicazione, come ad esempio l'uso del vapore, delle compresse umide di acqua dolce o marina, delle borse di acqua calda, l'applicazione dei fanghi, i clisteri ed altri ancora.
Inoltre raccomandava di stimolare regolarmente la sudorazione per agevolare la disintossicazione dell'organismo.

Nell'antica Roma l'idroterapia fu introdotta nel II sec. a.c. da Asclepiade, medico personale di Cicerone.
Si narra che sia l'imperatore Ottaviano Augusto che il poeta Orazio furono efficacemente curati con bagni ed impacchi.
Anche Galeno, uno dei padri della medicina occidentale e medico dell'imperatore Marco Aurelio, ne apprezzava i benefici.
Come noto, i Romani svilupparono e diffusero l'uso delle terme pubbliche e private, che erano non soltanto luoghi di cura ma divennero ben presto il centro della vita sociale.

Durante il Medioevo l'idroterapia venne progressivamente abbandonata a favore della fitoterapia (uso delle piante medicinali).
Solo pochi medici continuarono a credere nelle virtù dell'acqua e a tramandare le antiche conoscenze.
Il XVIII secolo segnò la nascita della talassoterapia (effetti benefici dell'acqua di mare) ad opera di R. Russel, con pochi seguaci.
Maggior successo ebbero i "Wasserhahne", i "medici rubinetto" H. e J. Hanhn, che pubblicarono diversi testi poi ripresi in tempi successivi.
In quell'epoca però l'idroterapia aveva regole estremamente complesse e serviva soprattutto per reprimere i sintomi delle malattie.
Una graduale rinascita si ebbe durante il XIX secolo, ma solo le classi più ricche si recavano negli stabilimenti termali, più con l'intento di trascorrere le vacanze in luoghi alla moda che curare le malattie.

Una figura di spicco del primo ottocento fu Vincent Priessnitz, contadino autodidatta originario della Bassa Slesia.
Basandosi su osservazioni dirette, intuizione e buon senso divenne un notissimo empirico, tanto da dover aprire una sorta di ospedale per poter accogliere i pazienti provenienti da tutta la Moravia e la Boemia. In trentanni di attività guarì circa quarantamila persone, sviluppò una cinquantina di trattamenti ed ottenne l'autorizzazione ufficiale dell'Università di Vienna, guadagnandosi la fama di "guaritore dell'acqua".
I suoi metodi ebbero larga diffusione e furono alla base della medicina naturista. Non scrisse nessun libro, ma il suo sapere fu raccolto in centinaia di pubblicazioni tradotte in undici lingue.
Ricevette persino un titolo onorofico dall'imperatore Ferdinando d'Austria ed alcuni anni dopo l'idroterapia divenne materia di insegnamento universitario.

I libri degli Hahn e i metodi di Priessnitz aiutarono un giovane seminarista a guarire da una grave tubercolosi.
Si chiamava Sebastian Kneipp, figura leggendaria della medicina naturista e ancora famosissimo nei Paesi di lingua tedesca.


Immagine
©2007 Diritti riservati - Vietata la pubblicazione e la riproduzione in qualsiasi forma, anche parziale
Non si assumono responsabilità, dirette ed indirette, per le notizie qui riportate

_________________
La vita non è aspettare che passi la tempesta… ma imparare a ballare sotto la pioggia
(M. Gandhi)


sabato 17 novembre 2007, 21:32
Profilo
eXtraModeratore
eXtraModeratore
Avatar utente

Iscritto il: martedì 7 febbraio 2006, 23:00
Messaggi: 4586
Località: Oggi qui Domani là
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
ImmagineImmagine


Sebastian Kneipp (1821-1897) fu un grande terapeuta, promotore dell'idroterapia e della vita naturale.
Proveniva da una umile famiglia della Germania occidentale e venne a conoscenza della teoria idroterapica leggendo vecchi libri in una biblioteca universitaria. Guarì da una grave tubercolosi sperimentando furtivamente su se stesso spugnature, frizioni e bagni freddi. L'anno della guarigione, il 1850, è tradizionalmente considerato l'anno di nascita del metodo Kneipp. Con questo metodo curò alcuni seminaristi e approfondì gli studi di Priessnitz.
Divenuto prete pensò bene di unire la cura del corpo a quella dell'anima e raggiunse una enorme popolarità dopo aver risolto una quarantina di casi di colera.
Fu nominato abate in un convento di orfani e qui ebbe l'opportunità di continuare i suoi studi ed integrarli con l'utilizzo delle piante medicinali.
Subì varie denunce e processi per pratica illegale della medicina, ma il continuo afflusso di malati di ogni estrazione sociale lo spronarono a seguire la sua vocazione.

Nel "metodo Kneipp" rientrano docce fredde e calde, bagni totali e parziali, bagni di vapore, spugnature fredde, impacchi.
Una delle pratiche più curiose era il percorso Kneipp, effettuato passeggiando a piedi nudi sull'erba umida, sulla ghiaia dei ruscelli, su apposite vasche con acqua tiepida. Inoltre combinava l'idroterapia con la fitoterapia, aggiungendo le piante medicinali nei bagni o facendole bere sotto forma di infusi caldi.
I suoi discepoli introdussero anche il famoso sacchetto di fieno, una speciale compressa con semi e fiori di fieno tuttora diffusissimo.
Infine tornarono di moda le applicazioni di fango e di argilla, riscoprendo procedimenti che si erano persi nel tempo.

Curò personalmente il pontefice Leone XIII, scrisse diciannove libri tradotti in quattordici lingue ed è considerato il padre della moderna idroterapia.
Dalla fine del XIX secolo la nuova materia fu introdotta nella Facoltà di Medicina dell'Università di Vienna e successivamente nel resto d'Europa.



L'applicazione attualmente più diffusa è il percorso Kneipp, che viene effettuato in vasche nelle quali si cammina a piedi nudi, riempite all'altezza del ginocchio di acqua fredda (12°-18°) e calda (36°-38°) e con fondo irregolare (sabbia e pietroline).

Stimola e rinforza la circolazione, rilassa e massaggia la muscolatura, ha positivi effetti sul sistema immunitario e neurovegetativo.

http://www.benessere.com/remise/arg00/bagno_kneipp.htm


In Alto Adige, un moderno parco Kneipp:
http://www.villabassa.it/it/it_kurpark_ ... ey=kurpark


Immagine
©2007 Diritti riservati - Vietata la pubblicazione e la riproduzione in qualsiasi forma, anche parziale
Non si assumono responsabilità, dirette ed indirette, per le notizie qui riportate

_________________
La vita non è aspettare che passi la tempesta… ma imparare a ballare sotto la pioggia
(M. Gandhi)


Ultima modifica di Micho il mercoledì 26 dicembre 2007, 22:14, modificato 1 volta in totale.



sabato 17 novembre 2007, 22:37
Profilo
eXtraModeratore
eXtraModeratore
Avatar utente

Iscritto il: martedì 7 febbraio 2006, 23:00
Messaggi: 4586
Località: Oggi qui Domani là
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Immagine

La talassoterapia è una metodica terapeutica, formalizzata nel 1700 dal medico inglese Richard Russel, che si basa sull'utilizzazione di tutti gli agenti naturali che provengono da un luogo di mare: l'acqua marina (ad esempio per immergervisi, come avviene nella balneoterapia), il clima, la sabbia, le alghe, i fanghi di mare.

Come funziona la talassoterapia: i pori della pelle, a contatto con l'acqua di mare, si dilatano e permettono così il passaggio dei preziosi oligoelementi che lentamente vengono liberati nel sistema sanguigno correggendo gli squilibri. Le alghe di mare, con il loro risaputo potere antibiotico, batteriostatico e antivirale, fanno il resto.

Il primo centro termale marino sorse a Viareggio attorno al 1850; seguono Livorno (1859), San Benedetto del Tronto (1865), Riccione (1866), Porto d?Anzio (1867), Palermo (1874). Tra il 1870 e il 1890 nascono i più prestigiosi stabilimenti dell'Alto Adriatico, quelli del Lido di Venezia e di Grado, e nel 1910 viene fondato l'Osservatorio per lo studio della Climato-talassoterapia, sulla spiaggia di Venezia. Notevole fu il contributo della Francia nello sviluppo della talassoterapia.

http://www.benessere.com/terme/talassoterapia.htm
http://www.talasso.unimi.it/evo_talasso.html



Immagine
©2007 Diritti riservati - Vietata la pubblicazione e la riproduzione in qualsiasi forma, anche parziale
Non si assumono responsabilità, dirette ed indirette, per le notizie qui riportate

_________________
La vita non è aspettare che passi la tempesta… ma imparare a ballare sotto la pioggia
(M. Gandhi)


sabato 17 novembre 2007, 22:53
Profilo
eXtraModeratore
eXtraModeratore
Avatar utente

Iscritto il: martedì 7 febbraio 2006, 23:00
Messaggi: 4586
Località: Oggi qui Domani là
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Messaggio 
Che ne pensate?
Può essere una valida terapia integrativa?

_________________
La vita non è aspettare che passi la tempesta… ma imparare a ballare sotto la pioggia
(M. Gandhi)


sabato 24 novembre 2007, 14:05
Profilo
eXtraModeratore
eXtraModeratore
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 2 febbraio 2006, 18:50
Messaggi: 3373
Località: Brianza
Genere (M/F): Maschio
Profilo facebook: https://www.facebook.com/luigi.p.silva
Rispondi citando
Messaggio Re:
Micho ha scritto:
Che ne pensate?
Può essere una valida terapia integrativa?

A distanza di qualche anno, eccomi a rispondere al quesito di Micho.
Sì! La ritengo un'efficace "terapia integrativa".
Per anni ho un po' snobbato le pratiche idroterapiche e Kneipp in genere.
Invece, proprio perchè ho cominciato a sperimentarle di persona devo ammettere la loro efficacia.
Di grande utilità ho trovato la guida sui trattamenti Kniepp del Cron4.
Tra i vari trattamenti quello che più mi ha "colpito" (in ogni senso :) ) è la pratica idroterapica col getto (freddo) folgorante di cui do una breve descrizione: questo particolare tipo di idroterapia consiste nel sottoporsi ad un potente getto di acqua fredda. Questo trattamento è considerato particolarmente rinvigorente e tonificante, tanto da essere considerato il più efficace tra i trattamenti che adoperano acqua fredda. Proprio per la sua natura particolarmente energica l'idroterapia con getto folgorante viene solitamente praticata dopo aver praticato un'intensa attività motoria capace di preparare e scaldare il corpo.
L'idroterapia è comunque in generale l'utilizzo dell'acqua a scopo curativo e comprende una vasta gamma di trattamenti particolarmente indicati per la cura della perdita del tono muscolare ma anche per aiutare il paziente nel combattere gli stati di esaurimento psicofisico.


PS
Per un buon getto folgorante, anche per mano del sottoscritto :ghgh:, vi segnalo l'Olimpic Sauna di Brescia


domenica 5 agosto 2012, 17:55
Profilo
Habitué
Habitué
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 10 maggio 2006, 15:11
Messaggi: 391
Località: süd tirol / veneto
Rispondi citando
Perry grazie! Molto interessante! Notare la tecnica che parte sempre dagli arti (gambe e poi braccia)!

_________________
donner und blitz
in veneto mi fanno morire le espressioni:
Ostrèga
Ciò beo
Orco Can
Frà batar e ùgar


giovedì 13 settembre 2012, 8:54
Profilo
Habitué
Habitué

Iscritto il: domenica 11 novembre 2012, 15:21
Messaggi: 289
Località: Lombardia
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Qual è "il vero" percorso Kneipp"?
Quello delle SPA? Quello dei centri Termali?
Quello fatto coi sassi o senza i sassi?
Con l'acqua calda, fredda, o entrambe?
In realtà basterebbe avere a disposizione un prato, un ruscello con poca acqua,
o semplicemente.....
il pavimento di casa vostra....
Sì, perchè il "vero percorso Kneipp" non è una "struttura" prestabilita,
ma un modo" cosciente" di eseguire l'atto umano più semplice del mondo, che che ci distingue da gran parte degli animali:
camminare in posizione eretta, a piedi nudi.

Dal sito in Italiano dell'associazione Kneipp Alto Adige


Camminare a piedi nudi
è il modo più semplice e naturale
per rinvigorire l'organismo"

Sebastian Kneipp


sabato 26 dicembre 2020, 8:05
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 7 messaggi ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010