Oggi è lunedì 21 maggio 2018, 20:38



Rispondi all’argomento  [ 39 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
 Marina di Bibbona - persecuzioni e denunce 
Autore Messaggio
Assiduo
Assiduo
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 590
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Io sono ancora convinto che per una presunta violazione dell'art. 726 del c.p. (atti contrari alla pubblica decenza) si proceda in base alla Legge 24 novembre 1981, n. 689 e sue modifiche.
Ebbene mi pare che essa dica chiaramente che la decisione se sanzionare una persona segnalata dalla forza pubblica per un illecito amministrativo sia il prefetto da compiere entro 90 giorni. Se non lo fa ritengo che la questione sia risolta definitamente.
Se il prefetto sancisce nei termini stabiliti l'ammenda può essere ridotta di 1/3 da pagare entro 60 giorni.
In caso di ricorso alla decisione del Prefetto si perde il diritto alla riduzione della sanzione e si procede con un ricorso al Giudice di Pace e successivamente è possibile rivolgersi alla Cassazione ed alla Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE).

Lo stato dopo la notifica della sanzione ha tempo 5 anni per chiedere il pagamento di questa se, non è stata richiesta alcuna cifra entro 90 giorni non può chiedere nulla non avendo chiesto nulla nei tempi previsti.

Continuo a sbagliare?


sabato 17 marzo 2018, 15:20
Profilo
eXtraModeratore
eXtraModeratore
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 3 luglio 2006, 9:32
Messaggi: 4354
Località: Lago
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Cita:
Ad oggi hanno manifestato la disponibilità a essere inseriti tra le persone che possono testimoniare che la spiaggia è da anni Narturista: Alessandro, Lidia, Sergio, Francesco e Franca. Io ho dato la disponibilità in qualità di Presidente e responsabile di alcuni social che pubbliciczzano la spiaggia.
Il contatto avuto con l'imprenditore locale e i Sindaci ....... fa già parte del dossier e verrà depositato agli atti. Del dossier fa parte anche un'intervista di un Sindaco 2005 di Bibbona che dichiarava su "il Tirreno" di vedere favorevolmente la presenza di Naturisti e che la stessa non aveva mai creato problemi. Abbiamo poi raccolto almeno una ventina di siti, anche non Naturisti ma di semplici portali turistici, che reclamizzano la spiaggia Naturista. Stiamo altresì chiamando una serie di soci del posto.
Sono le risposte/disponibilità che mancano.
Spero che entro martedì ne piovano talmente tante da costringerci a fare una selezione dei testi da citare in giudizio.

Giampietro Tentori A.N.ITA

_________________
Meglio essere felici che avere la verita' in tasca


lunedì 19 marzo 2018, 11:07
Profilo
Assiduo
Assiduo
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 590
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Tutti sanno che al mondo c'è chi scende e c'è chi sale.

C'è, ad esempio, il prefetto di Livorno che sancisce una sanzione ad alcuni naturisti sorpresi nudi sulla spiaggia della Fossa Camilla a Bibbona nel mese di luglio 2017 e c'è il prefetto di Ravenna Riccardo Compagnucci che, nel giugno 2010, dopo aver fatto un monitoraggio sulla spiaggia frequentata dai naturisti della nota Bassona -Lido di Dante (RA), fa ampliare il limite a loro fissato ( raddoppiandolo) perchè l'aveva personalmente trovato troppo affollato.

Articolo de “il Resto del Carlino”sulla decisione del Prefetto Compagnucci:
https://www.ilrestodelcarlino.it/ravenn ... isti.shtml


lunedì 19 marzo 2018, 12:39
Profilo
Turista
Turista

Iscritto il: sabato 15 aprile 2006, 20:53
Messaggi: 42
Località: Bergamo
Rispondi citando
Trovata un altro naturista disposto a testimoniare, Saverio.
Pensavamo di trovare più di tre persone disposte a testimoniare!


lunedì 19 marzo 2018, 21:53
Profilo
Assiduo
Assiduo
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 590
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Secondo me dire davanti al Giudice di Pace e portare testimoni (forse ne ascolterà uno) che sostengono che la spiaggia di Marina di Bibbona è frequentata dai naturisti da tantissimi anni è importante ma forse, a differenza del prefetto di Livorno, per il Giudice di Pace non sarà molto importante questo fatto perchè se esiste una violazione all'art. 726 del c.p. (atti contrari alla pubblica decenza) il fatto che avvenga da tanti anni serve a poco ai fini del giudizio: se una persona ruba in un quartiere noto per questi fatti non gli darà un motivo valido per rubare anche lui.
Al Giudice di Pace a mio parere occorre ricordare che da decenni le sentenze verso i naturisti che praticano la nudità integrale in modo pulito, in aree conosciute od appartate, per un semplice relax o per la difesa della salute psico-fisica per la quale la stessa Costituzione italiana dice di tutelare all'art.32 non vengono condannati per nessun reato e già cinque regioni hanno approvato leggi che li riconoscono. E sempre la Costituzione all'art.2 garantisce i diritti inviolabili dell'uomo.
La nudità poi non è un “atto” ma uno “stato” e l’art. 726 si riferisce a chi compie un atto che offende il comune senso del pudore come certi atti fisiologici in pubblico anche se non è visibile alcuna parte nuda del corpo: se io cammino nudo “l’atto” è quello di camminare e camminare non è indecente.


martedì 20 marzo 2018, 0:44
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3823
Rispondi citando
A quanto pare stanno cercando testimoni proprio nella speranza di riuscire a dimostrare che si tratta di un'area conosciuta e...frequentata in modo "pulito"...

Quanto alla distinzione tra "atto" e "stato", secondo me potrebbe anche avere un qualche fondamento, ma temo che si tratti di una sottigliezza che i giudici non hanno mai voluto cogliere (sospetto che quando parlano di "esibizione degli organi genitali", mostrino tutta la loro ristrettezza di vedute, ma non parlino a casaccio...)

_________________
nemo


martedì 20 marzo 2018, 13:37
Profilo
Assiduo
Assiduo
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 590
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Io sono convinto che al Giudice di Pace che deve giudicare i naturisti sanzionati a Marina di Bibbona anno scorso possa essere utile presentare i documenti che sono inseriti nel pdf che allego.

Il 13 luglio 1979 (circa 40 anni fa) i carabinieri della stazione di Lido di Savio (Ravenna) inviarono al Pretore di Ravenna una lettera per chiedere se era reato prendere il sole nudi nella zona della foce del Bevano.
Il Pretore rispose il 31 luglio in modo favorevole al naturismo ma i carabinieri evidentemente non lessero la risposta prima del 3 agosto. giorno in cui procedettero assieme ad altra forza pubblica ad un controllo delle persone nude nella zona della foce del Bevano segnalando poi al Pretore 14 persone che poi il 31 dicembre furono tutte archiviate.

http://www.mondonaturista.it/documento1979.pdf


martedì 20 marzo 2018, 20:55
Profilo
Turista
Turista

Iscritto il: sabato 15 aprile 2006, 20:53
Messaggi: 42
Località: Bergamo
Rispondi citando
Il documento che citi lo presenteremo nei documenti che andranno al Giudice di Pace di Cecina. Interessante anche se molto datato.

Per il momento abbiamo 11 naturisti disposti a testimoniare, 7 i frequentatori (occasionali) della spiaggia, provenienti da Piemonte, Liguria, Toscana e Lombardia. Speriamo di riuscire ad ottenere, a breve, un primo e piccolo risultato positivo in quella che si prospetta una lunga battaglia contro l'infausta legge Orlando sulla depenalizzazione.
Sergio


sabato 24 marzo 2018, 15:11
Profilo
Assiduo
Assiduo
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 590
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Sergino Il fatto che il documento da me presentato abbia circa 40 anni e che si riferisca ad una zona di spiaggia (Foce Bevano -Lido di Dante )allora frequentata da oltre cento naturisti compreso chi scrive ma molti più tessili che in parte abitavano in oltre 100 capanni abusivi nella pineta alle spalle, considero per questo molto importante ciò che ha scritto il Pretore e l'archiviazione.

Orlando io lo giudico un nemico del naturismo ed una persona che volendo poteva chiarire tutta la questione naturista anche perchè il governo aveva la delega sulla legge di penalizzazione da parte del Parlamento e bastava una decisione del Consiglio dei Ministri.
Non ha difeso la minoranza naturista compiendo un atto che giudico incivile neppure dopo l'interrogazione presentata da Luigi Lacquaniti ed altri del suo stesso partito.


sabato 24 marzo 2018, 16:10
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 39 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010