Oggi è domenica 21 luglio 2019, 17:37



Rispondi all’argomento  [ 63 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
 Progetto di legge sul naturismo 
Autore Messaggio
Turista
Turista

Iscritto il: giovedì 22 settembre 2011, 21:34
Messaggi: 12
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Buonasera a tutti.
Sono un deputato e sto studiando i progetti di legge presentati nelle precedenti legislature alla Camera e al Senato, che miravano alla legalizzazione in Italia del naturismo.
Sarei ben lieto di ricevere vostri suggerimenti e richieste.


domenica 4 agosto 2013, 21:17
Profilo
Residente
Residente
Avatar utente

Iscritto il: martedì 29 agosto 2006, 17:24
Messaggi: 1402
Località: Vicenza
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
direi che la legge più evoluta è quella recentemente approvata in Abruzzo
http://www.abruzzonaturista.it/componen ... -legge.htm


domenica 4 agosto 2013, 22:00
Profilo
Assiduo
Assiduo
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 687
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Nella mia qualità di Presidente dell'ANER nel 1993, chiesi ai deputati dell'Emilia Romagna di presentare una proposta di legge sul naturismo da presentare in Parlamento.
Accettò l'on Sauro Turroni dei Verdi: preparammo il testo ed il 19 ottobre 93 fu presentata, per la prima volta, alla Camera dei Deputati.
Dall'On. Turroni questa PdL è sempre stata ripresentata all`inizio di ogni legislatura e si arrivò poi alla sottoscrizione di ben 106 deputati nella XIII legislatura finita nel 2001con esponenti di quasi tutti i gruppi parlamentari (ne mancava solo uno).
Nella primavera del 2000 la Commissione Affari Sociali (relatore la romagnola On. Elsa Signorino) iniziò l'esame delle PdL Turroni n.529  e n.6490 presentata appena sei mesi prima dall'On. Massidda (FI), Vicepresidente della Commissione stessa. Fu scelta la via di unire le due proposte in un Testo Unico ma, purtroppo, la legislatura finì senza che la legge sul naturismo fosse approvata.

 Questa è stata l'unica PdL sul naturismo della storia ad arrivare al livello della Commissione Affari Sociali e ritengo che l'unico modo per giungere all'approvazione sia quello di cercare l'appoggio da tutte le formazioni politiche perchè i naturisti possono essere di tutte le idee e tutti i partiti hanno favorevoli e contrari.
Ora per mia esperienza visto che i contrari si attaccano a tutto per perseguitarci come minoranza cambierei l'articolo principale con questo:
" All'entrata in vigore della presente legge tutte le spiagge marine, lacustri o fluviali, di proprietà del demanio o di enti pubblici sono considerate  clothing optional (abbigliamento facoltativo)  con la possibilità per le amministrazioni comunali di poter riservare esclusivamente sino ad un massimo dell'80% della superficie di dette aree, alle varie categorie di persone naturiste o non naturiste (tessili).
Le amministrazioni comunali possono, inoltre, destinare ai naturisti o ad altre categorie di persone, boschi ed altri ambienti naturali.
Le aree conosciute da anni come notoriamente frequentate dai naturisti continueranno ad essere naturiste e potranno essere sostituite con altre di superficie non inferiore in certi casi di provato interesse generale."


domenica 4 agosto 2013, 22:37
Profilo
Residente
Residente
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 2 febbraio 2006, 16:07
Messaggi: 1793
Località: Abruzzo
Rispondi citando
gertdalpozzo ha scritto:
Buonasera a tutti.
Sono un deputato e sto studiando i progetti di legge presentati nelle precedenti legislature alla Camera e al Senato, che miravano alla legalizzazione in Italia del naturismo.
Sarei ben lieto di ricevere vostri suggerimenti e richieste.

Articoli relativi alla legge approvata in Abruzzo puoi trovarle qui:
viewtopic.php?f=72&t=18381&p=329793#p329793
Se credi puoi contattare il direttivo dell'A.N.AB. che ha realizzato la legge approvata in Abruzzo.
http://www.abruzzonaturista.it/contatti.html

A.N.AB. - Associazione Naturista Abruzzese
Via Vittorio Veneto, 23
Frazione Vallemare
65012 CEPAGATTI (PE)
392.2859554

_________________
Iscritto ANAB http://www.abruzzonaturista.it/
http://www.facebook.com/pages/Ripuliamo ... 1002200079
Un esempio:
http://www.facebook.com/note.php?note_i ... &ref=share


lunedì 5 agosto 2013, 1:20
Profilo YIM
eXtraJuniorAdmin
eXtraJuniorAdmin
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 16 novembre 2006, 11:51
Messaggi: 5009
Località: Marostica (VI)
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Buongiorno gertdalpozzo, benvenuto sul forum di eXtraVillage.

In questa sezione "Area legale" abbiamo raccolto una cronistoria delle varie iniziative a livello locale, regionale, nazionale.

Come diceva Fidenzio Laghi, le proposte nazionali si sino finora fermate a livello di commissione; recentemente è stata approvata una legge regionale in Abruzzo; anche l'Emilia Romagna ha approvato una legge che ha trovato però finora scarsa applicazione, anzi paradossalmente è stata interpretata in modo restrittivo, tanto che nel caso della spiaggia della Bassona presso Ravenna la suddetta legge regionale è stata pretestuosamente usata nella querelle che contrappone il Comune di Ravenna alle associazioni naturiste (tema dei "servizi igienici"... se vuole possiamo approfondire).
Potrà anche vedere che molti Paesi europei si sono già dati da tempo una legge per regolamentare e riconoscere il naturismo. Per noi l'ideale sarebbe una legge sul modello spagnolo: una legge cioè, che ravvisando l'impossibilità di definire i c.d. "Atti contrari alla pubblica decenza", abolisca tout-court tale reato, mantenendo solo il reato di "Atto Osceni", che sono relativi ad atti sessuali espliciti. La nudità in quanto tale, dunque, non può essere sanzionata, in quanto non solo non è un atto osceno (e ci mancherebbe, ma la stampa e le forze di poizia locali molto spesso fanno molta confusione), ma non è nemmeno un "Atto contrario alla pubblica decenza".

La mancanza di una legge obbliga la Cassazione a pronunciarsi in tutti quei casi di gente denunciata in quanto nuda in un contesto non privato, con tutti i distinguo del caso riguardo la situazione particolare.

Direi che l'abolizione dell'arti. 726 C.P. è un passaggio obbligato, e a questo punto probabilmente non occorrerebbe neppure una legge specifica sul naturismo...


lunedì 5 agosto 2013, 11:42
Profilo
Habitué
Habitué
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 febbraio 2010, 13:50
Messaggi: 403
Località: Venezia
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Giulio, come si evidenziava nel forum, più che abolire l'art. 726 del C.P. - Atti contrari alla pubblica decenza, sarebbe il caso di chiarire che la nudità non costituisce un atto che rientra tra quelli dello stesso art. 726.
Altrimenti non si potrebbero sanzionare i veri atti contro la pubblica decenza: urinare/defecare in pubblico, etc...

_________________
...basta solo l'asciugamano


lunedì 5 agosto 2013, 12:34
Profilo
Celebrità
Celebrità
Avatar utente

Iscritto il: martedì 14 ottobre 2008, 21:32
Messaggi: 2219
Località: Latina
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
D'accordo con iGNUd!

_________________
so you think you can tell Heaven from Hell


lunedì 5 agosto 2013, 12:44
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 4023
Rispondi citando
Ciao Gert, benvenuto nel forum e grazie di esserti interessato al nostro problema.

Mi chiedo se tu abbia mai avuto qualche esperienza nudo-naturista in prima persona.
Non che sia indispensabile, però.....conoscere sia i grandi centri naturisti esteri (della Croazia, della Francia, della Spagna o della Germania) sia le spiagge "clothing-optional " di quei Paesi, secondo me aiuterebbe a capire meglio una realtà che da noi è poco conosciuta e poco compresa, difficile da spiegare a parole.

Comunque provo a riassumere, dicendo cose che probabilmente conoscerai meglio di me:

da noi non c'è una legge che vieti espressamente il nudo-naturismo, ma nemmeno una che ne consenta la pratica nei luoghi pubblici (e le rive del mare e dei fiumi sono per forza pubblici).

La Cassazione, che come saprai si limita ad emettere sentenze sui casi specifici su cui è chiamata ad esprimersi (che tuttavia costituiscono importante "giurisprudenza" per casi simili), ha sempre sentenziato che il nudo in luogo pubblico costituisce "atto contrario alla pubblica decenza" (reato punibile con una pesante ammenda) a meno che non sia praticato in luoghi molto isolati e nascosti, oppure su spiagge naturiste o "abitualmente frequentate in maggioranza da naturisti". (sintetizzo molto...)

Il guaio è che le spiagge naturiste in sostanza non esistono perché non c'è una legge che le preveda, e quanto a quelle "abitualmente frequentate" è come discutere del sesso degli angeli, visto che son quasi sempre semi-clandestine ed in luoghi di difficile accesso.

Alcune Regioni (Emilia Romagna prima, Abruzzo adesso) si sono dotate di leggi proprie ed alcuni Comuni hanno "legalizzato" alcune spiagge: quella di Capocotta", quella di San Vincenzo, Lido di Dante, il Mort....

Il guaio, anche qui, è che le spiagge, oltre ad essere pochissime, sono sottoposte agli umori degli amministratori di turno,, che una ne aprono e due ne chiudono.

Anche perché spesso vengono legalizzate spiagge molto isolate che già in passato erano frequentate da nudisti ma che a causa della loro "ghettizzazione", sono col tempo diventate spesso anche oggetto di una frequentazione sessualmente trasgressiva difficile da controllare ed estirpare in luoghi così nascosti e isolati, in qualche caso forse più adatti a questo uso che a prendere il sole in tutta tranquillità!

Il motivo per cui, come avrai visto, si insiste sulla abolizione o sulla modifica (sottraendoci per legge il nudismo) del reato di atti contrari alla pubblica decenza, è che se si fa una legge sul naturismo che non modifica questa situazione, con l'affollamento estivo che c'è, spiagge adatte allo scopo praticamente non ce ne sono!
Spiagge, intendo dire, degne di questo nome, che possano anche solo lontanamente sperare di competere con quelle straniere!
Una legge, cioè che consenta l'arrivo in Italia di almeno una parte di quelle centinaia di migliaia di naturisti stranieri (giovani, vecchi e bambini, nonni/e e nipotini/e) che affollano le spiagge estere.

In sostanza ci vorrebbe una legge molto "liberale" perché una troppo restrittiva (per giunta fatta con cinquant'anni e più di ritardo rispetto agli altri Paesi), rischia di essere del tutto inutile se non dannosa.

Purtroppo, gli ultimi cinquant'anni ci hanno dimostrato che i progetti di legge è più facile farli che farli approvare...

Ciao

_________________
nemo


lunedì 5 agosto 2013, 17:22
Profilo
Assiduo
Assiduo
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 687
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Io a questo punto mi aspetto una prima risposta da Gertdalpozzo.


lunedì 5 agosto 2013, 17:53
Profilo
eXtraModeratore
eXtraModeratore
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 1 febbraio 2006, 19:50
Messaggi: 5993
Località: Roma, Italia, Europa, Mondo
Genere (M/F): Femmina
Profilo facebook: https://www.facebook.com/daltomonte
Rispondi citando
benvenuto gert :)

_________________
*La perfezione non è di questo mondo. Io sono un'aliena.*


lunedì 5 agosto 2013, 20:20
Profilo WWW
Turista
Turista

Iscritto il: giovedì 22 settembre 2011, 21:34
Messaggi: 12
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Grazie a tutti dei messaggi e del benvenuto. In realtà sono iscritto da un paio di anni a questo Forum, perché molto interessato al wellness.

Si, Carlo, ho avuto esperienze di naturismo, in Italia, bellissime esperienze, anche se per vari motivi esperienze sporadiche, non continuative. Si è trattato di esperienze che mi hanno donato un'esaltante e irripetibile sensazione di libertà. E' per questo che adesso sto studiando i precedenti progetti di legge, per provare a definire un nuovo progetto di legge organico.
Fino a pochi mesi fa non pensavo sarei arrivato in Parlamento, nonostante faccia politica da molto tempo.

Condivido il vostro scetticismo quanto alla difficoltà nel nostro Paese di varare una Legge come questa, che ponga l'Italia al passo con gli altri Paesi occidentali. Sono convinto tuttavia che, a condizione che questa Legislatura abbia un futuro, vi siano margini per intervenire.
La prima condizione, anche se a qualcuno di voi può non piacere, è affrontare la materia come elemento per lo sviluppo del turismo. Intorno a questo scopo infatti si può ipotizzare una maggioranza favorevole.
Affrontare l'argomento nell'ottica libertaria, di filosofia di vita, che è effettivamente il naturismo, significa andare incontro, temo, al fallimento dell'iniziativa parlamentare.

Fatemi sapere cosa ne pensate.


martedì 6 agosto 2013, 23:07
Profilo
Autorità
Autorità
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 19 febbraio 2007, 20:21
Messaggi: 6675
Località: venezia dry
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
gertdalpozzo ha scritto:

La prima condizione, anche se a qualcuno di voi può non piacere, è affrontare la materia come elemento per lo sviluppo del turismo. Intorno a questo scopo infatti si può ipotizzare una maggioranza favorevole.
Affrontare l'argomento nell'ottica libertaria, di filosofia di vita, che è effettivamente il naturismo, significa andare incontro, temo, al fallimento dell'iniziativa parlamentare.

Fatemi sapere cosa ne pensate.


Sono pienamente d'accordo. Come tutte le cose, dall'arte allo sport, per avere un interesse generale deve avere un riscontro economico. Ed in questi tempi di crisi, riuscire a coniugare la filosofia naturista da una parte e l'imprenditoria con nuovi posti di lavoro dall'altra, potrebbe essere vincente.

Io ho la passione della nautica, eppure non posso scindere la mia passione dal mercato Se non ci fosse interesse imrenditoriale non troverei approdi, officine, distributori ecc.....
Si, sarebbe bello poter navigare lungo coste incontaminate con una barca autocostruita, ma è pura utopia. Allora ben venga l'interesse economico. Più interesse ci sarà e più opportunità avremo.

Certamente, come altri hanno già sottolineato, bisognerebbe iniziare con lo scollegamento della nudità in comune dal 726, altrimenti si rischia di creare dei club privè per i soli tesserati. E quelli già ci sono, ma non ci interessano.
Paolo

_________________
La vita è come il caffè, puoi metterci tutto lo zucchero che vuoi ma se non giri il cucchiaino non sarà mai dolce.
A star fermi non succede niente

Alex Zanardi



mercoledì 7 agosto 2013, 9:03
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 4023
Rispondi citando
Ciao Gert,
in realtà con la mia domanda intendevo proprio questo:

secondo me sarebbe molto utile, se non indispensabile, che chi prepara una legge sul naturismo conoscesse in prima persona le realtà estere, dove il nudo-naturismo lo sfruttano turisticamente alla grande!

-Se tu vai di persona, meglio ancora con la famiglia, in strutture come il Valalta (con un complesso di piscine impressonante) in Istria,

-oppure se vai al il Corsicana, il Rivabella o la Chiappa o il Villata in Corsica (solo per citare i luoghi in cui sono stato), alcuni con spiagge tra le più belle della Corsica..

-se vedi le spiagge nudiste/clothing optional Francesi della Costa Azzurra, tipo certe cale dell'Esterel, dove una breve scaletta scende direttamente alla spiaggia dalla fermata del bus.

-o a Pampelonne, dove tratti nudisti si alternano senza soluzioni di continuo a quelli "costumati" su una spiaggia enorme super-affollata con ampi posteggi ombreggiati immediatamente alle spalle,

-o a Cap Taillat (uno dei posti più belli del Mediterraneo..)

-o Layet, dove posteggi gratuitamente all'ombra dei pini lungo la statale e dopo pochi passi ti trovi su una bellissima spiaggetta riparata, con bar-ristorantino munito di terrazzo sull'acqua (solo per citare i luoghi a noi più vicini, per non parlare della Spagna e di mille altri luoghi..)

-Se vedi il tipo di frequentazione di questi posti, identica a quella di una normale spiaggia "costumata"...

ti renderai conto che abbiamo moltissimo da imparare sul turismo balneare in generale e su quello naturista in particolare!

Ti renderai anche conto che sentir parlare, come spesso capita, di sfruttare il turismo naturista riservando a questa pratica qualche buco nascosto che non si sa come meglio utilizzare, suona tra il ridicolo e il patetico!

_________________
nemo


mercoledì 7 agosto 2013, 9:04
Profilo
Habitué
Habitué
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 11:22
Messaggi: 425
Località: Milano
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Benvenuto nel forum e complimenti per il nick, Q è uno dei miei libri preferiti!
Aspettiamo con impazienza i tuoi prossimi passi

_________________
[url]www.golosa-mente.com[/url]


domenica 11 agosto 2013, 22:51
Profilo WWW
Turista
Turista

Iscritto il: giovedì 22 settembre 2011, 21:34
Messaggi: 12
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Grazie, Maurigo. E' sempre bello incontrare qualcuno che abbia apprezzato questo romanzo.

Carlo, grazie per le tue dritte. E' un consiglio appropriato, devo solo organizzarmi.

Per il resto sto studiando i precedenti progetti di legge, e ho messo al lavoro anche la mia assistente, nonostante la prossimità di ferragosto. Con un'attenzione particolare alla Legge regionale dell'Abruzzo.

Luigi


lunedì 12 agosto 2013, 21:23
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 63 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010