eXtraVillage - il Forum
http://forum.extravillage.it/

Depenalizzazione art. 726 CP: atti contrari pubblica decenza
http://forum.extravillage.it/viewtopic.php?f=72&t=18763
Pagina 10 di 10

Autore:  gennaromarc [ mercoledì 28 settembre 2016, 0:19 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Depenalizzazione art. 726 CP: atti contrari pubblica dec

carlo ha scritto:
Bene, diamo a queste persone la possibilità di farlo, distribuendo qua e la degli spazi in giusta percentuale, dove possano stare.
[/quote]

Questo è più che corretto, non c'è problema.

Ciò che mi irrita, a volte, è che molte persone sbagliano l'approccio...convinti di aver ragione a priori. Del tipo :"noi siamo nudisti e abbiamo capito tutto mentre chi non lo è non ha capito niente. Ergo per cui dobbiamo essere liberi di fare ciò che vogliamo" Beh è questo che condanno...questa saccenza che oggi è tanto di moda...

In Italia inoltre, mi dispiace dirlo, ma si spaccia per nudista più di qualche pervertito che con la scusa del nudista approfitta per esporre le proprie grazie con altri fini lontani dai nostri. Ne parlavamo in un altro post dove si parlava dei centri con sauna e via dicendo...di esperienze al limite degli schiaffi...

Questo perchè la repressione in italia ha portato proprio a reprimere e reprimere ed oggi c'è l'effetto boomerang...la gente da sfogo alle proprie fantasie in modo sbagliato. Ecco perchè ci andrei con i piedi di piombo perchè per ogni persona seria ce ne sono 2 poco serie allora rischiamo, in italia, di fare solo pubblicità negativa a questa categoria se acceleriamo le cose e vogliamo "imporre". Imporre cosa? Spiagge come capocotta piena di porcherie, orge la sera e cinesi che fanno i massaggi? Squallido...

Le cose si cambiano cambiando la mentalità delle persone...un po alla volta facendole abituare...e quando il naturismo sarà sano allora il pervertito di turno verrà cacciato dalla spiaggia con un calcio nel sedere...ma oggi non avverrebbe mai perchè ancora non c'è la cultura del naturismo qui.

Prima 1 su 100 pratica il nudismo, grazie ad internet che sparge la voce oggi siamo 10, con qualche evento diventeremo 20 allora la natura farà il suo corso...ma se si vede che la cosa non decolla...forse semplicemente non siamo pronti e forzare le cose è controproducente...Ecco come la penso...

Autore:  carlo [ mercoledì 28 settembre 2016, 12:56 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Depenalizzazione art. 726 CP: atti contrari pubblica dec

@gennaromarc:
si vede che con me proprio non c'azzecchi! :lol:

La frase che citi non l'ho scritta io, l'ha scritta Mizioeanto!

Nel complesso però sono più o meno d'accordo!

La frase di Mizioeanto è giusta, ma, secondo me un po' teorica!
Finora nessuno è ancora riuscito a contarci (anche perché molti di noi si nascondono..) e sui numeri ci sono aspre dispute perfino tra noi naturisti!

Esiste poi un problema fondamentale:
gli unici numeri cui può fare riferimento un'eventuale autorità per contarci, sono gli iscritti alle associazioni, che sono una piccola percentuale dei già pochi nudisti Italiani!
Insomma, per chiedere dei diritti, dovremmo almeno far sapere che ci siamo (questa secondo me è la grossa differenza rispetto all'estero)

Inoltre, dal punto di vista turistico, non sarebbero da contare solo i naturisti Italiani!

Non credo poi che il discorso del nudismo "trasgressivo" (preferisco non chiamarlo "pervertito" perchè secondo me è un termine intimidatorio che non significa niente) sia un problema solo Italiano e degli Italiani! E' che in Italia, a causa dei divieti e della scarsità di spazi, è rimasto quasi solo quello!

La trasgressione si crea coi divieti!

Se tu consideri per legge il nudismo una trasgressione...il risultato è inevitabile! Io non pratico una cosa in un luogo dove è considerata una trasgressione! Non mi metterei mai in costume da bagno in Arabia Saudita e non mi metto nudo in Italia!

Tu stesso dici che, come me, pratichi solo all'Estero, dove sai bene che le spiagge trasgressive non mancano, anzi, sono spesso "commercializzate"!
Solo che all'estero c'è una spiaggia "trasgressiva" (spesso smisuratamente più grande e frequentata delle nostre: vedi Cap D'Adge...) ed altre cento che non lo sono....
in Italia c'è una spiaggia "trasgressiva" di pochi metri e....basta, dove ognuno trasgredisce a modo suo, chi mettendosi nudo e chi...andando ben oltre!
In questo modo inevitabilmente finisce che chi vuol solo spogliarsi va all'estero come te e me!

E non basta legalizzare un centinaio di metri su migliaia di chilometri di coste per cambiare le cose!

Quanto al fatto che in Italia siamo il 10%..anche mettendo in conto i "nascosti".....fosse vero!

Autore:  Andrea vi [ mercoledì 28 settembre 2016, 14:46 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Depenalizzazione art. 726 CP: atti contrari pubblica dec

il 10 no ma sicuramente oltre il 2% si,cioè più dell'area politica bigotta che impedisce o ostacola qualsiasi realtà naturista in Italia,il problema è che troppi si nascondono

Autore:  mizioeanto [ mercoledì 28 settembre 2016, 23:25 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Depenalizzazione art. 726 CP: atti contrari pubblica dec

Naturalmente i numeri erano dati un po' a caso, nel ragionamento che ho fatto, ma era solo per dire che non sempre le minoranze devono soccombere, ma volendo c'è spazio per tutti.

Autore:  fidenzio [ mercoledì 8 marzo 2017, 16:16 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Depenalizzazione art. 726 CP: atti contrari pubblica dec

Ho letto oggi l'articolo Cervia, giovane prostituta sorpresa col cliente quasi ottuagenario. 3000 euro la sanzione e mi dimostra ancora che si fa di ogni erba un fascio: http://www.cervianotizie.it/articoli/20 ... zione.html .
Nella motivazione della sentenza della Cassazione n. 1765 / 2000 è scritto: “la nudità dei genitali può assumere un diverso rilievo penale in funzione del contesto oggettivo e soggettivo in cui è concretamente inserita: così può configurare un atto osceno, quando esprime, anche psicologicamente, un istinto sessuale; ma può semplicemente costituire un atto contrario alla pubblica decenza, quando è mero esercizio della funzione fisiologica dell'urinare; o addirittura sfugge a qualsiasi rilevanza penale se è inserita in un contesto pedagogico o didattico (es. durante una lezione di anatomia o di educazione sessuale) ovvero in particolari contesti settoriali (per es. di tipo naturista o salutista)”.
Oggi dopo le depenalizzazioni dei reati di “atti osceni in luogo pubblico “ ed “ atti contrari alla pubblica decenza” nei fatti si cerca di condannare tutti a 5000€ di sanzione che si possono ridurre a 3333 se si paga entro 5 giorni.
on mi pare giusto questo fatto e mi pare che sia contro la nostra Costituzione
Al Ministro Orlando era stato chiesto di mettere un po' di chiarezza ma dopo un anno non l'ha fatto e, quindi non lo voto.
Chiedo a chi legge la sua opinione.

Autore:  carlo [ lunedì 31 luglio 2017, 18:22 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Libertà in città: ragazza passeggia nuda per Bologna

Scusa fidenzio, ma dalla pagina del tuo link, leggo:

Cita:
Contro i verbali redatti dai vari organi accertatori, può essere presentato dal trasgressore scritto difensivo entro 30 giorni dalla contestazione della violazione ovvero dalla notifica del verbale, direttamente al Prefetto.


A me par di capire che l'ammenda viene comminata subito, poi si può scegliere se pagare subito o rivolgersi al prefetto!

ma davvero, magari ho capito male...non sono molto esperto!

Autore:  fidenzio [ lunedì 31 luglio 2017, 22:23 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Depenalizzazione art. 726 CP: atti contrari pubblica dec

Io interpreto così visto pure i miei casi in cui la notifica non mi è giunta e quindi nessuna sanzione decisa: al Prefetto arriva la contestazione della forza pubblica e se la ritiene sufficiente invia la notifica alla persona segnalata entro 90 giorni. Questo ha poi 30 giorni di tempo per inviare uno scritto con le sue ragioni a favore. Poi il Prefetto dopo aver sentito la forza pubblica intervenuta decide se archiviare od inviare ordinanza motivata con la quantità della sanzione decisa .ecc.

La prima decisione se emettere la sanzione e sulla eventuale cifra spetta al Prefetto al quale poi si può fare ricorso o pagare e non alla forza pubblica intervenuta.
La cifra di 3333€ è una forma ridotta se il sanzionato accetta di pagare subito e non può essere decisa dalla forza pubblica quando interviene.

Ma nessuna associazione è in grado di dare una risposta precisa sulla procedura che viene applicata in questi casi?

Autore:  mizioeanto [ mercoledì 2 agosto 2017, 13:52 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Depenalizzazione art. 726 CP: atti contrari pubblica dec

Fidenzio, non sono un esperto, ma nei tuoi casi, si parlava di reato penale.
Ora il tutto è stato declassato a reato civile, quindi credo che la sanzione sia immediata.
Ripeto, da prendere con le molle.

Autore:  fidenzio [ mercoledì 2 agosto 2017, 14:30 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Depenalizzazione art. 726 CP: atti contrari pubblica dec

Il reato è lo stesso da sempre ed è cambiato solo il fatto che ora depenalizzato non c'è condanna detentiva ma solo una bella sanzione.
La sanzione la decide il Prefetto e non la Forza pubblica intervenuta.
Dalla Prefettura arriva (nel mio caso non arrivato nè anno scorso nè quest'anno e ci sono 90 giorni di tempo) una notifica con il verbale di sanzione amministrativa. Se si accetta di pagare la cifra è di 3333€ e si hanno 60 giorni di tempo. Altrimenti si presenta uno scritto difensivo entro 30 giorni eccc.ecc..

Autore:  carlo [ venerdì 1 settembre 2017, 17:32 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Depenalizzazione art. 726 CP: atti contrari pubblica dec

Sì.....peccato che quando ad essere multati sono i naturisti, né Gramellini né gli altri giornalisti aprano bocca! Speriamo che comunque lo scalpore suscitato torni utile anche a noi! Non vorrei che finissero per multare pesantemente soloi naturisti e agli altri una sgridatina!

Pagina 10 di 10 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
http://www.phpbb.com/