Oggi è sabato 29 aprile 2017, 21:28



Rispondi all’argomento  [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
 Riforma o modifica legge sulla Giustizia 
Autore Messaggio
Habitué
Habitué
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 465
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha dato due mesi di tempo per intervenire
sulla riforma della giustizia e si può intervenire anche con una mail all'indirizzo
<rivoluzione@governo.it>.

Io ho voluto esprimere la mia opinione (ed invito chi legge ha fare altrettanto)
che ritengo utile Al Consiglio dei Ministri.
Questo il mio testo:

"Sono un naturista: intendendo per naturismo un modo di vivere in armonia con
la natura, caratterizzato dalla pratica della nudità in comune, allo scopo di
favorire il rispetto di se stessi, degli altri e dell'ambiente e dal 1985 ho
dato molto del mio tempo per difendere i diritti civili di questa minoranza che
porta pure uno sviluppo del turismo ad esso collegato con creazione di posti di
lavoro e risparmi nelle spese sanitarie

Abbiamo nel codice penale un' articolo :il 726, che condanna gli "atti
contrari alla pubblica decenza" ed alcuni ,ritengo ,contrari alla nostra idea,
ci denunciano per violazione di questo articolo che poi nei fatti la
magistratura archivia od assolve come è successo a Ravenna ad una ventina di
persone negl'ultimi due anni.
Occorreva una legge chiara che io promossi presentata già nel 1993 dal
deputato Verde Sauro Turroni che fu poi ripresentata anche all'inizio della
legislatura iniziata nel 1996 raggiungendo 106 sottoscrittori di quasi tutti i
gruppi parlamentari . Fu discussa dalla Commissione Affari Costituzionali ma
finì la legislatura nel 2001 senza arrivare in aula.

Oggi alla Camera dei Deputati è presente un testo presentato dall'on. Luigi
lacquariti intitolato" "Disposizioni per il riconoscimento della pratica del
naturismo e lo sviluppo della capacità turistico-ricettiva in Italia" (2171).

Le persone denunciate per nudo-naturismo sono poi costrette, anche vincendo
la causa a pagare l'onorario del proprio avvocato e mi pare che non sia giusto
perchè questa è già una condanna aggiuntiva sicura non appellabile.
Chi non ricorre ed affronta il giudizio in dibattimento deve pagare almeno un 1/3 di
ammenda che si aggira sui 900Euro dal Giudice di Pace addirittura più alta di una
persona che fa un reato più grave come "atto osceno in luogo pubblico (art 527)"
che essendo di competenza del giudice ordinario se la può cavare con 103 Euro
(1/3 del massimo di 309 Euro.).

Non sarebbe giusto cambiare questi articoli e considerare la pratica naturista
lecita chiaramente come nel resto dell'Europa?

Grazie e gradirei una risposta
A disposizione per chiarimenti
Distinti saluti

Fidenzio Laghi ex Presidente ANER dal 1985 al 2001".


giovedì 3 luglio 2014, 22:32
Profilo
Turista
Turista

Iscritto il: martedì 11 dicembre 2012, 17:52
Messaggi: 97
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
ma hanno poi risposto?


domenica 6 luglio 2014, 10:15
Profilo
Habitué
Habitué
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 465
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
La mia mail non ha avuto risposta (almeno sin'ora) ma sono del parere che, forse, se ne arerivassero molte sarebbe più facile ottenere una risposta.
Se per questioni riguardanti il naturismo arriva solo la mia segnalazione vuol dire che non c'è bisogno di occuparsene per quelle disposisizioni perchè il fatto dimostra che va bene arrivando un'unica segnalazione negativa.


domenica 6 luglio 2014, 23:54
Profilo
eXtraJuniorAdmin
eXtraJuniorAdmin
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 16 novembre 2006, 11:51
Messaggi: 4780
Località: Marostica (VI)
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Fidenzio, ma l'abolizione dell'art. 726 c.p. siamo sicuri che abbia qualcosa a che fare con la riforma della giustizia che ha in mente il governo, e che riguarda essenzialmente durata dei processi, responsabilità dei giudici etc.? Quello che dici è sacrosanto, ma forse non è questo il contesto.


lunedì 7 luglio 2014, 9:29
Profilo
Habitué
Habitué
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 465
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Io non penso all'abolizione dell'articolo 726 perchè lo ritengo necessario. Chi per esenpio si mette ad urinare davanti ai tavolini posti all'esterno di un bar commette, a mio parere un "atto contrario alla pubblica decenza" che va punito con una legge.
Occorre solo rendere questo articolo più chiaro per chi sta nudo in certi luoghi in modo innocente: solo per nudo-naturismo. Se il movimente naturista avesse avuto un po di forza, ritengo, che poteva bastare un po'di pressione al Ministro della Giustizia che certamente avrebbe potuto modificare l'articolo di legge con una semplice circolare interpretativa.
Non credo sia possibile abolire il 726 e chi chiede questo in realtà vuole lasciare le cose come stanno ora.


lunedì 7 luglio 2014, 20:45
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3667
Rispondi citando
Siamo proprio sicuri che il 726 sia indispensabile?

Chi butta rifiuti per terra non può essere punito perchè non commette atti contrari alla pubblica decenza?

Chi urina su un tavolo di un bar commette davvero un atto contrario alla pubblica decenza o piuttosto insozza una pubblica via, oltre ad un danneggiamento privato?

Il punto, secondo me è un altro: noi possiamo chiedere quello che vogliamo ma questo non significa che lo otteniamo.

Basta vedere la reazione dei vari Comuni alla nostra richiesta di spazi anche piccoli, per capire che l'interesse delle autorità verso questo argomento è a dir poco limitato!

Ci vorrebbero centomila firme e noi fatichiamo a raccoglierne mille......

_________________
nemo


martedì 8 luglio 2014, 9:04
Profilo
eXtraJuniorAdmin
eXtraJuniorAdmin
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 16 novembre 2006, 11:51
Messaggi: 4780
Località: Marostica (VI)
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Non credo, caro Fidenzio, che chiedere l'abolizione del 726 sia voler lasciare le cose come stanno ora.

Abolire il 726 significa abolire l'arbitrarietà del "comune senso del pudore", o della "pubblica decenza" che dir si voglia (non c'era anche un film con Sordi sull'argomento?)

Come detto da Carlo, urinare o defecare in pubblico possono essere ricondotti ad altro tipo di reati relativi all'abbandono di rifiuti.

Bisogna togliere allo Stato a ai giudici il diritto di decidere cosa è la pubblica decenza. Così come hanno già abolito il comma relativo al turpiloquio, quell'articolo va abolito tutto per intero.


martedì 8 luglio 2014, 14:40
Profilo
Autorità
Autorità
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 19 febbraio 2007, 20:21
Messaggi: 6492
Località: venezia dry
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Io mi trovo pienamente d'accordo con fidenzio. Voler abolire l'art. 726 è una partita persa. Bisogna invece premere perchè ne venga modificata l'applicazione ed facilmente percorribile.
Non è forse accaduto con l'esposizione de seno femminile? Quante donne sono stata a suo tempo arresatate perchè prendevano il sole a seno nudo anche in zone isolate, a casa o sul pattino? (sembra impossibile da credere oggi, vero?). Il topless è stato ottenuto perchè sostenuto dalle femministe nel momento del boom femminista, sostenuto da personaggi famosi come attrici e giornaliste (vedi Gruber).
Il naturismo non ha oggi risonanza nei media ed è quindi molto più difficile da sostenere, ma si può fare.
Mi chiedo se possa essere una strada da intraprendere quella di iniziare a chiedere "appoggio" ai vari personaggi famosi che sappiamo pratichino tranquillamente il nudismo come Laurenti, Ferrara, la Caldonazo, Volo ecc..... (Specialmente Ferrara, che pur di far casino.....)

_________________
La vita è come il caffè, puoi metterci tutto lo zucchero che vuoi ma se non giri il cucchiaino non sarà mai dolce.
A star fermi non succede niente

Alex Zanardi



martedì 8 luglio 2014, 15:05
Profilo
eXtraJuniorAdmin
eXtraJuniorAdmin
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 16 novembre 2006, 11:51
Messaggi: 4780
Località: Marostica (VI)
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Io resto del parere che se non si abolisce l'articolo in toto, ma si limita a "scorporare" il nudo-naturismo, si entra di nuovo nella zona grigia delle interpretazioni. E' come l'idra di Lerna, se ne tagli una testa ne spuntano altre due, per uccidere la bestia bisogna mirare al cuore.
Immaginate un art. 726 che però faccia eccezione per le persone che praticano naturismo. Secondo me sarebbe già qualcosa, per carità, ma resterebbero problemi ed interpretazioni. Io faccio naturismo, ma sono su una spiaggia non a questo riservata. Va bene o no? E via discorrendo.
Meglio togliere la cancrena totalmente.

Come testimonial aggiungerei comunque la figlia di Ornella Muti, Naike Rivelli... pare che sia una "nudista" abituale e ce l'abbia abbastanza con i benpensanti.


martedì 8 luglio 2014, 15:36
Profilo
Autorità
Autorità
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 19 febbraio 2007, 20:21
Messaggi: 6492
Località: venezia dry
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Nessuna eccezione da fare alla legge. Basta una nota esplicativa che dica che la nudità non è oltraggiosa per se stessa.
Ripeto quel che successo col topless. Nessuna legge lo ha consentito, semplicemente non è più considerato oltraggioso.
Rimane tale però nei contesti sbagliati. Non si può andare al ristorante o al cinema in topless.
Non mi sembra sia nata alcuna confusione.

Eliminare il 726 vorrebbe dire rifarne un altro. Siamo sicuri che sarebbe migliore?

_________________
La vita è come il caffè, puoi metterci tutto lo zucchero che vuoi ma se non giri il cucchiaino non sarà mai dolce.
A star fermi non succede niente

Alex Zanardi



martedì 8 luglio 2014, 16:36
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3667
Rispondi citando
Scusate se insisto, modificare o abolire il 726 mi sembra marginale:

per decidere che la nudità non è oltraggiosa, bisogna che anche chi non pratica naturismo pensi che la nudità (specie maschile.....) non è oltraggiosa! o, in alternativa, che i nudo-naturisti siano veramente numerosi e lobbisticamente forti!

Finché lo diciamo noi e siamo quattro gatti divisi....sul topless non c'è stata mica alcuna nota esplicativa! E se è vero che i giudici hanno deciso che il topless al mare non è reato, nessuno ha invece esplicitamente deciso che il topless al cinema o al ristorante è reato!

Se ci fosse un movimento di opinione ragionevolmente forte a favore del nudo, non ci sarebbe bisogno di chiedere nessuna modifica, o questa verrebbe effettuata senza che siamo noi a chiederla!

Se questo movimento non c'è, nessuna modifica verrà mai fatta!

Per ora siamo al punto che manco ci vogliono concedere qualche decina di metri su centinaia di chilometri di spiaggia e volete che qualcuno decida che si può stare nudi dove si vuole?

_________________
nemo


martedì 8 luglio 2014, 17:20
Profilo
Autorità
Autorità
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 19 febbraio 2007, 20:21
Messaggi: 6492
Località: venezia dry
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Cita:
La legge, cioè ammette sempre il topless sulle spiagge oppure ci sono dei limiti? In altre parole, qualsiasi donna o ragazza potrebbe esibire il proprio seno sulle spiagge senza subire alcuna sanzione? Oppure la legge lo vieta in alcuni casi, per es. in presenza di bambini? E quali sanzioni sono previste in questo caso?


Cita:
Non esiste una legge in proposito ma esiste la Sentenza della Corte di Cassazione n.3557 del 2000, ultima in ordine cronologico sull'argomento. Come saprai, le sentenze della Cassazione costituiscono infatti legge in assenza di una legge specifica. Essa afferma che "l' esibizione su una spiaggia [..] del seno nudo femminile [..] ormai da vari lustri è comportamento comunemente accettato ed entrato nel costume sociale"


Non sarebbe male arrivare a questo, no?
Valutiamo sempre che una legge apposita rischierebbe di limitare forse più di adesso il naturismo. Vedi luoghi appositi e sanzioni pesanti al di fuori.
Io non rischierei.

_________________
La vita è come il caffè, puoi metterci tutto lo zucchero che vuoi ma se non giri il cucchiaino non sarà mai dolce.
A star fermi non succede niente

Alex Zanardi



martedì 8 luglio 2014, 18:51
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3667
Rispondi citando
Si dà il caso Paeba,

che purtroppo la Cassazione da circa vent'anni (prima il quesito non si poneva nemmeno) continui a ripetere che il nudo maschile (quello femminile non viene nemmeno preso in considerazione) non è equiparabile al topless femminile e che può essere accettato (nelle sentenze a noi meno sfavorevoli....) solo su spiagge ufficialmente o almeno ufficiosamente naturiste!

E ormai da molti decenni il nudo integrale non è perseguitato sulle spiagge normalmente frequentate (praticamente nessuno ci ha mai provato!) ma negli angoli più nascosti (dove poi magari i nudisti vengono pure assolti) con buona pace dell'opinione pubblica che si guarda bene dallo stigmatizzare questi episodi!

Naturalmente si può sempre sperare che le cose cambino ma, sai come si dice,Paeba?....
"Chi vive sperando...." ;)

_________________
nemo


martedì 8 luglio 2014, 19:50
Profilo
Autorità
Autorità
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 19 febbraio 2007, 20:21
Messaggi: 6492
Località: venezia dry
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Perchè ci possano essere sentenze favorevoli, bisogna arrivare a questo

Cita:
ormai da vari lustri è comportamento comunemente accettato ed entrato nel costume sociale"


Per arrivare a questo, c'è bisogno di visibilità, di sponsor, di tenacia e pazienza. Ecco perchè forse dovremmo allearci con più tenacia ad associazioni naturaliste (naturismo e naturalismo vanno a braccetto come interessi ecologico-conservativi), coi media (hanno pur fatto una puntata "naturisti Vs. costumati" a Ciao Darwin), magari coinvolgendo quei personaggi di cui sopra, continuare a chiedere spazi ai comuni, alle regioni, ai governi. Chiediamo 1000 per ottenere 1, ma si comincia così. E questo non lo deve fare Paolo o Carlo ma quelle associazioni che rilasciano tesere inutili in cambio di una quota. Raddoppiate pure la quota, ma usatela per la causa. Io la pagherei volentieri.

La mia paura è che una regolamentazione apposita, crei dei "recinti per i maiali", con le torrette da cui sparare a vista a chi scappa fuori (in senso figurato).

Io non vorrei mai una zona della spiaggia in cui ammassare tutti i nudisti, magari ben protetta dagli sguardi con le palizzate alte tre metri.... :(

Preferisco vivere sperando.....

_________________
La vita è come il caffè, puoi metterci tutto lo zucchero che vuoi ma se non giri il cucchiaino non sarà mai dolce.
A star fermi non succede niente

Alex Zanardi



mercoledì 9 luglio 2014, 8:36
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3667
Rispondi citando
Cita:
ormai da vari lustri è comportamento comunemente accettato ed entrato nel costume sociale"


Scusa, ma ti sembra un comportamento comunemente accettato ed entrato nel costume sociale?

Quando la presidente dell' associazione dei naturisti Pugliesi chiede di conservare l'anonimato?

E quando l'unico Comune Italiano che rilascia un permesso per 150 metri, si sente in dovere di precisare nella delibera che lo fa contro-voglia perché in realtà non condivide i principi del naturismo?

Quando da anni le associazioni ambientaliste collaborano con noi solo se si tratta di pulire le spiagge e poi partecipano a progetti di "riqualificazione ambientale" dove per riqualificazione si intende anche l'allontanamento dei nudisti "per consentire a tutti una libera fruizione dell'area"?


Mi spiace ma, anche se per assurdo si cominciasse da oggi, temo di non aver più la possibilità di aspettare "vari lustri".....

_________________
nemo


mercoledì 9 luglio 2014, 8:57
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010