Oggi è domenica 28 maggio 2017, 14:14



Rispondi all’argomento  [ 29 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
 Proposta di legge: LACQUANITI ed altri: 
Autore Messaggio
Turista
Turista

Iscritto il: martedì 14 maggio 2013, 10:58
Messaggi: 6
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
carlo ha scritto:
Comunque, forse, basterebbe precisare che le barriere non sono necessarie, anche perchè se passa una legge così, non vedo perchè si debbano vietare tassativamente le barriere! Se invece non passa, la prima cosa che emendano è quella....


Sono d'accordo, si potrebbe dire che il comune e/o il gestore dell'area in concessione hanno facoltà di mettere barriere.

carlo ha scritto:
Vale quanto sopra: mi sembra un approccio forse utopistico e comunque sicuramente poco concreto: se in Italia ci fosse gente disposta ad approvare una cosa del genere, non ci sarebbe bisogno di fare una legge!


Credo che come naturisti dobbiamo fare le proposte più avanzate (portando l'esempio di altri Paesi europei), senza limitarci pensando a quello che diranno gli altri o a ciò che potrebbe non andare loro bene. Saranno gli altri a dirci cosa non possono proprio accettare, ma penso sia controproducente partire già noi con soluzioni di basso profilo! Se chiediamo 100 forse otterremo 50, ma se chiediamo 50 forse otterremo 25...


venerdì 21 marzo 2014, 15:42
Profilo
Residente
Residente
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 2 febbraio 2006, 16:07
Messaggi: 1649
Località: Abruzzo
Rispondi citando
Sembra che sia stata APPROVATA DALLA CAMERA :)
...... a favorire, mediante l’adozione di apposite iniziative di competenza, la pratica del naturismo che potrebbe rendere maggiormente competitiva l’offerta turistica italiana, superata oggi non solo dall’Europa settentrionale, ma anche da tutti i Paesi europei che si affacciano sul Mediterraneo, disciplinando l’individuazione di apposite aree da destinare a campi naturisti per un utilizzo di tipo turistico-ricettivo.

On. Luigi Lacquaniti
http://luigilacquaniti.net/2014/04/16/a ... l-turismo/

_________________
Iscritto ANAB http://www.abruzzonaturista.it/
http://www.facebook.com/pages/Ripuliamo ... 1002200079
Un esempio:
http://www.facebook.com/note.php?note_i ... &ref=share


mercoledì 16 aprile 2014, 22:01
Profilo YIM
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3674
Rispondi citando
Ottima notizia, ma mi sembra di capire che per ora siamo ancora parecchio sul vago!:
quella che per ora è stata approvata, mi sembra, è una dichiarazione di intenti per il rilancio dei vari tipi di turismo in generale e quindi, tra i tanti, anche quello naturista, al quale si fa un breve cenno, ma con quali modalità e con quali leggi e se e quando verranno approvate, è ancora tutto da vedere!
Ciao

_________________
nemo


giovedì 17 aprile 2014, 7:58
Profilo
eXtraJuniorAdmin
eXtraJuniorAdmin
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 16 novembre 2006, 11:51
Messaggi: 4799
Località: Marostica (VI)
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Un primo passo, ma in effetti hanno approvato una mozione di SEL per il rilancio del turismo (tra cui quello naturista). Speriamo bene...


giovedì 17 aprile 2014, 9:23
Profilo
Turista
Turista

Iscritto il: lunedì 20 febbraio 2006, 13:18
Messaggi: 35
Località: Milano
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Oggi su la Stampa, quotidiano che personalmente trovo più misurato e equilibrato di altri:

La fantasia dei parlamentari va dal mandolino ai nudisti
Le innumerevoli (e bizzarre) proposte di legge presentate
http://www.lastampa.it/2014/04/20/itali ... agina.html

Con la molesta superficialità che sempre più caratterizza il giornalismo italiano, tal Marco Presolin equipara la proposta di legge dell'onorevole Luigi Lacquanti in tema di naturismo (e di turismo) con proposte bislacche quale quella sull'insegnamento del mandolino nelle scuole dell'obbligo.

Non conosco l'onorevole né sono in grado di valutare la qualità della proposta di legge (cercando sul sito del governo, prima di accorgermi che naturalmente era già stata postata su extravillage, ne ho trovate altre tre: http://parlamento16.openpolis.it/attiSe ... -go.y=-324), ma l'atteggiamento la dice lunga su quanto poco sia considerata la pratica del naturismo nel nostro Paese. Se pensiamo che altri stati (Croazia, Francia e Spagna su tutti) ci hanno costruito un'economia!

Sopporteremo, e continueremo a emigrare per un po' di sole sulle chiappe.

_________________
cun qualsiasi vestii, suta... sun biùtt!


domenica 20 aprile 2014, 13:43
Profilo
Celebrità
Celebrità
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 febbraio 2006, 13:51
Messaggi: 2284
Località: Direttrice nord-est/sud-ovest
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Non voglio difendere nessuno, ma ciò che mette in cattiva luce il naturismo è il titolo dell'articolo. A me, infatti, pare che l'articolo sia una rassegna delle varie proposte di legge, condivisibili o meno, senza particolari commenti sulle stesse. Ma - è risaputo - i titoli degli articoli non li fanno i giornalisti che li scrivono, e il "nudo" tira....

_________________
La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l'occasione.


domenica 20 aprile 2014, 14:07
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3674
Rispondi citando
Purtroppo ormai è il classico "gatto che si morde la coda"!

Da noi ormai da decenni il nudismo è vietato e ghettizzato e che il nudo-naturismo possa essere un importante vettore per il turismo lo sa soltanto chi, come noi, frequenta gli ambienti nudo-naturisti, naturalmente all'estero, dove spesso andiamo appositamente per cercarli!

Chi vive qui e va al mare qui, certe realtà non se le immagina nemmeno, anche perché le agenzie nostrane, rivolgendosi agli Italiani, di solito di questi centri non parlano e non li propongono proprio ( I centri non sarebbero graditi agli Italiani e viceversa....)!.

Chi vive qui è abituato a vedere al massimo qualche nudista isolato e seminascosto, a volte in cerca di avventure d'altro tipo! perfino i rari luoghi dove "si chiude un occhio", lo si fa soltanto perché non interessano a nessuno e sono totalmente abbandonati a se stessi! (ci sono forse un'eccezione o due)

"La Stampa" non è mai stato noto per essere un quotidiano progressista, ma probabilmente il brav'uomo che ha scritto l'articolo non ce l'aveva coi nudisti (o forse solo un pochino, ma con la sua idea di "nudista italicus sporadicus"...) Semplicemente non conosceva l'argomento di cui scriveva, come accade un po' a tutti i giornalisti, del resto, che se dovessero scrivere solo di ciò di cui s'intendono, morirebbero di fame nel giro di pochi giorni...

Comunque sì, sapete che lo dico da tempo: l'Italia il treno del naturismo l'ha perso ormai definitivamente e bisogna rassegnarsi ad andare all'estero, come facciamo da più di mezzo secolo! (poi c'è perfino qualcuno che si chiede perchè alle Baleari arrivano in aereo non so quante decine di volte più turisti che a Napoli.....)

Ciao

_________________
nemo


domenica 20 aprile 2014, 20:52
Profilo
Celebrità
Celebrità
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 febbraio 2006, 13:51
Messaggi: 2284
Località: Direttrice nord-est/sud-ovest
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Intervista all'on. Laquaniti:

http://video.repubblica.it/rubriche/peo ... 533/164023

_________________
La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l'occasione.


giovedì 15 maggio 2014, 16:06
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3674
Rispondi citando
L'intervista fa parte di una rubrica che Repubblica dedica ai cosiddetti "Peones", in buona sostanza quei politici che quasi nessuno conosce (non necessariamente per loro demerito!)

Ad ogni modo anche Laquaniti afferma (al pari di tutti i suoi predecessori in fatto di leggi sul naturismo) di non essere un naturista, ma di aver solo sperimentato occasionalmente (che comunque è già qualcosa: gli altri forse nemmeno quello....)

Questo naturalmente non sminuisce l'importanza della sua iniziativa ma dimostra una volta di più come quella naturista sia una pratica assai poco conosciuta da noi, visto che perfino le iniziative di legge in suo favore vengono portate avanti da persone che naturiste non sono!

Ciao

_________________
nemo


venerdì 16 maggio 2014, 14:26
Profilo
Celebrità
Celebrità
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 febbraio 2006, 13:51
Messaggi: 2284
Località: Direttrice nord-est/sud-ovest
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Altra - bella - intervista all'on. Lacquaniti: http://www.dazebaonews.it/italia/item/2 ... le-di-vita

Naturismo. Mettersi a nudo come stile di vita
di Mascia Garigliano


Intervista a Luigi Lacquaniti

ROMA - “Nudi e crudi”. No, non è il nome di una pietanza presentata dall'ennesimo Chef, protagonista televisivo, ma è il titolo di una trasmissione che va in onda ogni Lunedì su Discovery Channel: un reality in cui una coppia di sconosciuti, dopo aver superato difficili test di sopravvivenza, viene mandata nella foresta Amazzonica. Qui, fra territorio impervio e animali di ogni genere da cui difendersi, un uomo e una donna, che s’incontrano per la prima volta, devono sopravvivere per ventuno giorni. Nessuno ci è riuscito fino ad ora, sia per la difficoltà di trovare cibo e acqua, sia per le spietate zanzare e altri insetti che non si dimostrano ospitali con i malcapitati.

Format a parte, quello che viene fuori è che i due “Braveheart” della situazione, per tutto il loro soggiorno devono stare “nudi e crudi”, arrancando per la foresta alla ricerca di cibo.

Completamente nudi, non hanno paura di mostrare le proprie debolezze e fragilità. Un gesto, questo, che non nasconde un lieve imbarazzo iniziale sconfitto immediatamente però dalla non curanza e dalla disinvoltura. “Mettersi a nudo” significa aprirsi completamente, essere vulnerabile, indifeso.

Insieme ai vestiti si buttano via anche le sovrastrutture che s’indossano come arma di protezione, come scudo atto a difendersi dagli attacchi altrui. E se per la scrittrice Alda Merini: “La semplicità è mettersi nudi davanti gli altri” anche per i naturisti lo è. È il loro vademecum, il loro stile di vita. Una filosofia di pensiero basata sull’essenzialità, sullo stretto contatto con la natura e sull’allontanamento dalla nevrosi urbana.

Il naturismo è una realtà che sempre più dilaga in Italia e che, proprio per questo, risente della necessità di avere una normativa chiara e non ambigua che, tuttora, non esiste.

Da anni emergono proposte di legge in Parlamento sul naturismo: la più recente risale allo scorso Marzo. È una proposta di legge firmata dall’onorevole Luigi Lacquaniti (Sel) e da altri 12 deputati. Essa prevede 5 articoli riguardanti le: “Disposizioni per il riconoscimento della pratica del naturismo e lo sviluppo della capacità turistico-ricettiva in Italia”.

Tale progetto di legge intende disciplinare la pratica del naturismo e la realizzazione di aree ad esso destinate, puntando sull’attrazione turistica italiana nazione famosa all’estero per le coste tra le più belle al mondo.

Il pensiero dell’onorevole, firmatario della proposta di legge, Luigi Lacquaniti (Sel):

Onorevole, come e quando è nata l’idea di presentare un progetto di legge che riguardi il Naturismo?

“Circa un anno fa, abbiamo lavorato alcuni mesi per proporre un intervento di tipo depenalizzante senza andare a pestare i piedi alle Regioni che a tutt’oggi hanno le competenze sul turismo. Ecco perché abbiamo scritto la bozza, l’abbiamo vista e rivista e lo scorso Marzo l’abbiamo depositata. La norma presenta due aspetti: da un lato interveniamo sulle competenze centrali dello Stato per depenalizzare il reato di nudismo e dall’altro intendiamo sollecitare, in buona sostanza, le amministrazioni locali affinché ci sia un intervento che permetta un riconoscimento di tale pratica”.

Ad oggi quali sono le norme che regolano il naturismo in Italia?

“Intervengono due articoli del codice penale: articolo 726 secondo cui “Chiunque, in un luogo pubblico o aperto o esposto al pubblico, compie atti contrari alla pubblica decenza è punito con l’arresto fino a un mese o con l’ammenda da euro 10 a euro 206” e dell’articolo 527 del Codice Penale secondo cui “Chiunque, in luogo pubblico o aperto o esposto al pubblico, compie atti osceni è punito con la reclusione da tre mesi a tre anni. La pena è aumentata da un terzo alla metà se il fatto è commesso all’interno o nelle immediate vicinanze di luoghi abitualmente frequentati da minori e se da ciò deriva il pericolo che essi vi assistano. Se il fatto avviene per colpa, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 51 a euro 309”. Invece, secondo noi, la materia dovrebbe essere comunque garantita da una norma certa e positivamente orientata in tal senso. La presente proposta di legge è tesa a raggiungere detto obiettivo”.

La sua proposta prevede “lo sviluppo della capacità turistico-ricettiva in Italia”. Cosa intende?

“Parto dalla constatazione che l’Europa conta 850-900 milioni di abitanti. I naturisti sono qualche milione. Essi vanno in Francia, in Croazia, in Grecia a far le vacanze. Non vengono in Italia perché non trovano strutture dedicate e anzi rischiano di esser denunciati.

Auspichiamo che le amministrazioni locali possano riservare delle spiagge e posti ai naturisti. Se il comune non accoglie questa richiesta per motivi vari, l’associazione naturista interessata può richiedere che una determinata zona le venga dedicata anche opponendosi come avviene in qualsiasi atto amministrativo. Per evitare tutto ciò noi riteniamo che si può arrivare a una determinazione più serena della questione. Io credo francamente che il Paese sia anche maturo per dare una risposta a questo tipo di esigenze. Ammetto che non mi aspettavo di ricevere questa attenzione mediatica come sto ottenendo per questo argomento che probabilmente attira più degli altri”.

Cosa si sente di dire a tutti quelli che storcono il naso davanti alla sua proposta di legge e che esclamano: “Con tutti i problemi che ci stanno in Italia…”

“Perdiamo parecchio fatturato. Il nostro obiettivo è quello di aumentare il turismo e di permettere lo start up a nuove aziende: si tratta di medio piccole imprese che potrebbero attivarsi in questo settore turistico creando nuovi posti di lavoro.

Inoltre ci tengo a precisare che ci troviamo di fronte a una questione che non deve essere intesa come una questione legata al sesso. In realtà se noi guardiamo al naturismo internazionale vediamo famiglie con bambini. È questo il tipo di pratica naturista che a noi interessa. Spiagge dedicate ad adulti e bambini, nulla a che vedere col sesso”.

Che ingerenza ha la Chiesa?

“Ritengo che oggi ne abbia molto meno di un tempo. Abbiamo appena celebrato il quarantennale sul referendum del divorzio. Culturalmente in alcuni settori può avere un peso, però ci tengo a dire che, grazie a questa norma, si possono realizzare spiagge dedicate al naturismo senza creare un ghetto (la legge non prevede dei recinti ma dei cartelli che indicano la spiaggia e questo è importante). Non solo andiamo a riconoscere un diritto, ma a tutelare chi non è disposto a farlo e non gradisce il naturismo. Nel momento in cui andiamo a regolamentare la materia andiamo anche ad evitare che le famiglie naturiste si trovino il guardone nelle spiagge dedicate. Si tratta di tutelare da questo punto di vista anche il decoro pubblico”.

Nel passato anche altri onorevoli, come il senatore Turroni nella quattordicesima legislatura ha presentato un disegno di legge sulle “Norme per il riconoscimento e la regolamentazione della pratica del naturismo”. Perché non hanno avuto seguito? Cos’ha la sua di diverso?

“Parecchi, in passato hanno presentato, come i radicali e i socialisti, disegni di legge. Secondo me i tempi non erano maturi o, ahimè, le proposte di legge non erano state curate abbastanza. L’ultima presentata, durante il governo Prodi, sembrava si potesse realizzare ma poi è caduto il governo.

Ora, se la legislatura durerà, potremmo riuscire a portare a casa questa legge. Poi c’è anche un altro motivo; io ho affrontato la materia non come un mero riconoscimento di principi e di diritti ma per rilanciare il turismo nazionale. È chiaro che non è il solo modo per rilanciarlo ma, se riusciamo a far comprendere meglio questa proposta di legge, è più facile incentivarlo”.

Lei ha mai praticato il naturismo?

“Non sono un naturista ma ho avuto qualche esperienza e mi è piaciuta molto perché si sviluppa una socialità, un rapporto di amicizia anche con stranieri che magari non si ha quando si è vestiti visto che l’abito rappresenta spesso uno status symbol, indica un’appartenenza sociale che in questi casi non c’è.

L’opinione di Marco, naturista da dieci anni

Marco, socio dell’Associazione naturista Anita e Blogger del sito “Essere nudo”, naturista da dieci anni, afferma che non sono molti i naturisti in Italia a dichiararsi tali perché molto spesso il concetto del nudismo è legato alla perversione sessuale e si ha paura così di esser etichettati e ghettizzati.

Perché i naturisti prediligono mete straniere per le loro vacanze e i loro incontri?

“Per rendere attraente e accogliere gli stranieri occorre una normativa chiara. Ci vuole semplicemente una legge che dica: praticare il nudismo non è un reato. Occorre una normativa che sancisca il diritto di esercitare questa pratica senza la paura di esser denunciati per oltraggio al pudore. Non dobbiamo nasconderci per esercitare un nostro diritto che è inoffensivo e rispettoso. Se si liberalizzasse il naturismo in Italia, i naturisti dei Paesi come la Francia, la Spagna, la Germania e la Croazia (mete incontrastate del turismo naturista) verrebbero anche nel nostro Paese.

Bisogna rendere normale il concetto di nudità. Solo così ci si educa a pensare che esser nudi non vuol dire esser pronti a far sesso, non è una perversione sessuale. Se esistesse una legge che regolamentasse le spiagge nudiste, anche i cosiddetti voyer ne potrebbero pagare le conseguenze legali. Ci sarebbe più tutela per tutti”.

Quali sono i falsi miti sui naturisti?

“Una delle maggiori resistenze che la società oppone all’accettazione del nudismo trova la sua motivazione nella tutela dei bambini. Si dice che il nudismo non sarebbe cosa adatta a loro, essendo una faccenda per soli adulti. Si dice che vedere la nudità sarebbe troppo sconvolgente e avrebbe conseguenze psicologiche negative per i bambini che potrebbero cadere vittime di pedofili o altri maniaci sessuali. Si tratta di paure infondate, originate dalla vergogna per la nudità, alimentate dalla non conoscenza del nudismo e infine ingigantite dai pregiudizi. Vari studi accademici, condotti negli ultimi decenni con metodo scientifico su questo argomento negli Stati Uniti e in Europa, non solo hanno escluso ogni effetto negativo del nudismo sui bambini ma ne hanno dimostrato la valenza educativa per un equilibrato sviluppo psicologico. È importante evitare che i bambini percepiscano come un tabù la sfera delle parti intime e che quindi sviluppino un atteggiamento morboso verso la nudità in generale. Abituando i bambini alla normalità della nudità li si renderà ragazzi più refrattari nei confronti della pornografia e imparerebbero a conoscere in maniera del tutto naturale com’è fatto il proprio corpo e quello degli altri”.

Quanti naturisti ci sono nel nostro Paese e quali sono le spiagge autorizzate?

Le stime parlano di 500-600 mila persone che praticano naturismo all’estero. Le spiagge dove il naturismo è riconosciuto e tollerato e dove non si rischiano multe prendendo il sole nudi sono: la spiaggia di Guvano, in Liguria; il Lido di Jesolo e di Volano in Veneto; la spiaggia del Nido dell’Aquila, Marina Albarese a Grosseto in Toscana; il Lido di Capocotta nel Lazio (prima spiaggia nudista autorizzata nella storia); la spiaggia di Marina di Camerota, in Campania; Torre Guaceto in Puglia; la spiaggia di Lascari in Sicilia; Cala Gonone in Sardegna.

In Danimarca, invece, sono solo due le spiagge in cui è vietato il nudismo, in tutte le altre è consentito praticarlo.

Quali sono i risvolti psicologici del naturismo?

Tanti lati positivi si hanno col naturismo: l’idea di accettare il proprio corpo, la capacità di rendersi conto che i corpi visti in tv sono finti, inventati. Studi psicologici affermano che tanti problemi legati all’anoressia e alla bulimia diminuirebbero con la diffusione della cultura nudista perché sulle spiagge naturiste i corpi si mostrano per quello che sono, con i difetti e le imperfezioni messe in mostra. Non esiste il sogno del raggiungimento di un corpo ideale. Non ci si deve vergognare per quello che si è ma per quello che si fa.

Com’è avvenuto il suo approccio con questa filosofia di vita?

Ho fatto dieci anni fa un viaggio in Francia e per curiosità ho cominciato a praticare il naturismo. È stato meno imbarazzante del previsto. Ho fatto un incontro molto forte, ho conosciuto un uomo che era senza una gamba che mi confessò che era molto più facile per lui praticare la spiaggia naturista che quella “tradizionale” perché si sentiva più accettato e meno osservato. Siamo tutti uguali nudi, non ci sono ruoli, professioni e differenze sociali.

Naturismo vuol dire esibizionismo?

A differenza di Facebook e degli altri social network in cui c’è esibizionismo, con l’esposizione di foto, selfie, ammiccamenti e con la voglia di piacere a tutti i costi per ottenere il “Like”, l’obiettivo del naturista non è assolutamente l’approvazione dell’altro, non ci si spoglia per piacere all’altro, ma per star bene con se stesso.

Cosa vuole dire a chi guarda con diffidenza il naturismo?

Il poeta Walt Whitman in “A sun-bath-nakedness” scrive: “La natura era nuda e lo ero anch’io. Era tranquilla, riposante e gradevole: invitava alla meditazione. Forse, l’intimo, mai perduto rapporto che abbiamo con la terra, la luce, l’aria, gli alberi, non si realizza soltanto attraverso gli occhi e la mente, ma attraverso l’intero corpo fisico. Perciò non voglio che quest’ultimo sia accecato o fasciato più di quanto lo siano gli occhi”.

_________________
La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l'occasione.


lunedì 26 maggio 2014, 16:59
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3674
Rispondi citando
Ho seguito qualche puntata di "nudi e crudi" e l'impressione è tutto sommato positiva:
non è proprio naturista in senso stretto (l'argomento è altro:si spogliano come sfida, come ulteriore elemento di difficoltà in un ambiente già molto difficile) e in più i protagonisti appaiono censurati sul davanti (anche i seni delle donne) anche se, un po' curiosamente, non sul "lato b".

La serie poi mi è sembrata noiosetta (sulla scia delle varie isole dei più o meno famosi) e, sospetto, parecchio "costruita": ho l'impressione che, nudi o vestiti, in certe condizioni non si sopravviverebbe nemmeno mezza giornata, se davvero abbandonati a sè stessi!

Però la nudità viene vissuta dai protagonisti senza morbosità e senza timidezze per cui, se si considera che viene programmato anche in "fascia protetta", è probabilmente un piccolissimo passo avanti....

Quanto all'intervista, è senz'altro bella ma sono ormai parecchi decenni che ne sento di simili...speriamo che stavolta cambi qualcosa...

_________________
nemo


lunedì 26 maggio 2014, 19:56
Profilo
Turista
Turista

Iscritto il: martedì 11 dicembre 2012, 17:52
Messaggi: 97
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
ma a che punto siamo?

http://luigilacquaniti.net/2014/10/10/l ... ima-firma/

presentata il 10 marzo 2014
annunziata l’11 marzo 2014
assegnata alla Commissione Affari Sociali in sede referente il 16 maggio 2014
parere delle Commissioni: Affari Costituzionali, Giustizia (ex articolo 73, comma 1-bis, del regolamento, per le disposizioni in materia di sanzioni), Bilancio, Finanze, Ambiente, Attività Produttive e della Commissione parlamentare per le questioni regionali


sabato 11 ottobre 2014, 10:20
Profilo
Residente
Residente
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 2 febbraio 2006, 16:07
Messaggi: 1649
Località: Abruzzo
Rispondi citando
Mi sa che quando avrà finito l'iter saremo tutti in pensione sempre che ci sarà una pensione.

_________________
Iscritto ANAB http://www.abruzzonaturista.it/
http://www.facebook.com/pages/Ripuliamo ... 1002200079
Un esempio:
http://www.facebook.com/note.php?note_i ... &ref=share


sabato 11 ottobre 2014, 20:46
Profilo YIM
eXtraJuniorAdmin
eXtraJuniorAdmin
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 16 novembre 2006, 11:51
Messaggi: 4799
Località: Marostica (VI)
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Mi pare che sia finita nel limbo delle commissioni, come pure tutte le altre proposte precedenti, che sono poi là rimaste senza mai approdare in aula...


lunedì 13 ottobre 2014, 12:11
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 29 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Chi c’è in linea

Visitano il forum: toku e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010