Oggi è sabato 25 marzo 2017, 9:53



Rispondi all’argomento  [ 1840 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 118, 119, 120, 121, 122, 123  Prossimo
 Naturismo in Veneto (Ve) - Isola del Mort 
Autore Messaggio
Stagionale
Stagionale
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 24 gennaio 2011, 9:14
Messaggi: 115
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Molta gente o tranquillo ??


venerdì 3 luglio 2015, 15:55
Profilo
Turista
Turista

Iscritto il: lunedì 9 novembre 2009, 16:23
Messaggi: 31
Località: Cachilandia
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Ciao a tutti, non sono mai stato al Mort e mi piacerebbe farci un giro, magari la settimana prossima.
Sarebbe bello andarci in compagnia, magari con una collega di forum, che potrei anche accompagnare.
(nessuna cattiva intenzione né secondo fine, ovviamente!)
Arrivo dalla zona di Verona, volendo potremmo trovarci per strada e poi andare assieme.


martedì 7 luglio 2015, 14:48
Profilo
Habitué
Habitué

Iscritto il: martedì 10 maggio 2011, 10:48
Messaggi: 309
Località: vicenza
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
McClain ha scritto:
Molta gente o tranquillo ??


beh... poca gente ma, soprattutto, eraclea paese deserto!
per essere una bella giornata di sole direi che la gente ha forse preso paura della presenza profughi.
temo che le insistenti notizie sul residence occupato, i pullmann che scaricano e le tendopoli in costruzione oltre alla preoccupazione di fastidi derivanti da presenze "non richieste" spingano altrove il turismo.
i nudisti (che non hanno purtroppo molte alternative sul litorale) ad ancor maggior ragione...
ti spoglieresti tu se un bel gruppetto di musulmani girasse in spiaggia a godersi lo spettacolo?
noi comunque non ci siamo fortunatamente accorti di alcuna presenza inusuale (forse non si è sparsa la voce...).
o forse era solo una giornata di scarso afflusso al mort ma, in ogni caso, inferiore ad altre giornate paragonabili negli anni precedenti.


giovedì 9 luglio 2015, 16:25
Profilo
Habitué
Habitué
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 450
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Ma un mussulmano che va in una spiaggia dove ci sono persone poco vestite non compie un garave peccato?


giovedì 9 luglio 2015, 22:07
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3639
Rispondi citando
Certo che per molti Immigrati dalle zone Islamiche, già vedere gente in costume costituisce un bel trauma (e una bella curiosità...), figurarsi vederle completamente nude!
Questo però a prescindere che siano credenti o no: non è che da noi i credenti hanno il costume e i non credenti no!
La cultura di una società, sicuramente pesantemente influenzata dalla religione, è la stessa. per credenti e non credenti, qui ed ovunque...
Ad ogni modo o uno è un nudo-naturista, oppure non lo è:
che indossi solo un costume oppure un cappotto, cambia poco...

_________________
nemo


venerdì 10 luglio 2015, 7:40
Profilo
eXtraJuniorAdmin
eXtraJuniorAdmin
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 16 novembre 2006, 11:51
Messaggi: 4777
Località: Marostica (VI)
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Progressi sempre lenti e difficili... ma bisogna mantenere aperta la questione.

http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/ ... ref=search

Cita:
Isola naturista, prove di dialogo
L’associazione in Comune. Zoggia: aspettiamo proposte concrete
09 gennaio 2016

JESOLO. Isola naturista ancora lontana, ma i vertici dell’Anaa-Veneto, associazione naturisti altoatesini della sezione veneta, hanno già incontrato nelle settimane scorse le associazioni di categoria. Jesolo è sempre l’obiettivo principale anche se finora, dopo l’esperienza dell’ultimo anno della giunta guidata da Francesco Calzavara, non ci sono state più spiagge naturiste ufficiali, ovverto coperte da regolare ordinanza del Comune.

La legge regionale sul naturismo è passata, ma paradossalmente non ci si mette d’ accordo su un’area prestabilita. La Laguna del Mort, nella parte di Jesolo, presenta ancora problemi di autorizzazioni per servizi igienici e altri ostacoli burocratici. Il Lido di Jesolo, verso la Pineta, non convince ancora gli operatori della zona e i benpensanti di Jesolo.

Il sindaco, Valerio Zoggia, sta nel mezzo, pronto a recepire, con l’assessore al Turismo, Daniela Donadello, e il consigliere comunale Alessandro Perazzolo, capogruppo di maggioranza, eventuali proposte purché siano concrete.

Intanto, i naturisti hanno incontrato, con i loro vertici della sezione, le categorie di Jesolo, vale a dire il presidente Aja, Massimiliano Schiavon, e il presidente mandamentale Confcommercio, Angelo Faloppa. Entrambi i presidenti hanno apprezzato sostanzialmente l’idea di una spiaggia naturista a Jesolo per catturare quel target che pare ancora molto interessato in tutta Europa. «Attendiamo il loro responso», hanno detto il sindaco Zoggia e Perazzolo, «l’opinione delle categorie di Jesolo è importante. Noi crediamo nella realizzazione di questo progetto, ma dobbiamo
misurarci con delle proposte precise e realizzabili in modo tale che ognuno faccia la sua parte». La Laguna del Mort è sempre favorita, anche perché i lavori della grandiosa darsena a Valle Ossi ritardano sempre di più tanto da apparire sempre più lontani dalla realizzazione. (g.ca.)


martedì 12 gennaio 2016, 10:44
Profilo
eXtraJuniorAdmin
eXtraJuniorAdmin
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 16 novembre 2006, 11:51
Messaggi: 4777
Località: Marostica (VI)
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Pessime notizie arrivano dal Mort...

http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/ ... ref=search

Cita:
Incendio devasta la Laguna del Mort c’è l’ombra del dolo

Eraclea. A fuoco ieri circa duemila metri quadrati di macchia Allarme per il fumo visibile da lontano, pompieri al lavoro
di Giovanni Cagnassi

ERACLEA. Incendio alla Laguna del Mort, tra Eraclea e Jesolo. Ieri pomeriggio la macchia verde alle spalle della spiaggia, ai confini tra i due territori, è andata in fiamme per cause ancora da accertare. Intorno alle 17 sono arrivate le squadre dei pompieri di Jesolo e San Donà che sono state immediatamente chiamate da alcuni bagnanti e da altre persone che si trovavano sulla spiaggia di Eraclea e hanno notato il fumo sollevarsi dalla sterpaglia alle spalle della Laguna. Sul posto, a bordo di un fuoristrada, è giunto immediatamente anche il sindaco di Eraclea Giorgio Talon.

«Rassicuro tutti in relazione alla colonna di fumo che molti hanno visto», ha commentato il primo cittadino, «Si è trattato di un incendio che si è sviluppato alla laguna del Mort, al confine tra Eraclea e Jesolo. Sono andato sul posto e ho seguito le operazioni di spegnimento da parte dei pompieri. L’incendio ha riguardato circa 1.500-2.000 metri quadrati, nello stesso punto dove era successo lo scorso anno».

«I vigili pensano al solito vandalo», prosegue Talon, «ma l’importante è che nessuno si sia fatto male». Tra le cause può essere contemplato il gesto di un piromane oppure un incidente legato ai tanti ritrovi sulle spiagge per cucinare attorno a un fuoco. Ma l’atto vandalico rappresenta l’ipotesi più accreditata finora, anche perché in numerose altre occasioni si sono verificati purtroppo questi episodi che prendono di mira una zona isolata, dalla quale è facile poi dileguarsi senza essere visti da nessuno. L’intervento dei vigili del fuoco è proseguito fino a sera per le operazioni di spegnimento e messa in sicurezza della zona.

Il sindaco Talon si è più volte interessato a quest’area a rischio che si trova nel territorio di Jesolo lungo il mare e di Eraclea verso l’entroterra. La vegetazione spesso secca prende fuoco con estrema facilità, soprattutto d’estate. Non era certo il caso di ieri: il sole non era così caldo e per un po’ era anche piovuto.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/ ... ref=search

Cita:
«Laguna del Mort interdetta accesso solo con visite guidate»

Eraclea. L’annuncio dell’assessore Stefanetto dopo l’incendio doloso di lunedì che ha devastato l’area «Troppi pericoli, dobbiamo salvare questa oasi». In spiaggia si potrà arrivare a nuoto o in barca
di Giovanni Cagnassi


ERACLEA. Incendio alla laguna del Mort, il Comune chiede adesso che l’area sia interdetta e diventi zona protetta. Troppi gli incendi divampati, o appiccati, nel corso degli anni. Potranno accedervi solo visite guidate, scolaresche, naturalisti e non naturisti. Lo annuncia l’assessore al Demanio, Stefano Stefanetto, alla luce delle prime indagini sul rogo di lunedì scorso. Passata la paura, continuano gli accertamenti sull’incendio di lunedì pomeriggio, certamente opera di un piromane o comunque di origine dolosa.

Non c’erano infatti fuochi e grigliate per il picnic del 25 aprile e anche le sterpaglie erano umide per la pioggia. Si teme dunque che qualcuno abbia voluto deliberatamente dar fuoco alle sterpaglie, poi bruciate per circa duemila metri quadrati. Un danno ingente alla vegetazione dell’oasi naturalistica, che si aggiunge agli altri metri quadrati finora andati in fiamme nel corso degli anni. L’assessore Stefanetto sta analizzando la situazione e già ha avuto contatti con Legambiente: «L’incendio è certamente di origine dolosa e adesso dovremo interdire necessariamente l’accesso all’intera area, permettendo solo visite guidate. È una zona protetta e deve restare tale. Uno o addirittura due incendi all’anno sono troppi e non possiamo più permetterlo. Non ci sono possibilità di lasciarla libera all’accesso di chiunque lo desideri. Che siano villeggianti della domenica, turisti o naturisti o chi altro, non possiamo distinguere. Basta una persona incivile o pericolosa per distruggere tutto. Rischiamo di perdere quest’oasi per sempre la prossima volta. Abbiamo esteso la proposta a Legambiente per intervenire presso la Regione e chiedere ufficialmente una zona protetta con servizio forestale che deve essere mantenuto attivo per un controllo costante. Per il resto», conclude, «le visite saranno consentite, ma solo guidate e autorizzate in una zona protetta».

La spiaggia davanti alla laguna del Mort, meta di appassionati del sole integrale, ma anche di villeggianti che amano le spiagge libere e selvagge capaci di suggestioni uniche, famiglie, o altri frequentatori che desiderano appartarsi, è territorio di Jesolo. La spiaggia dunque, salvo disposizioni diverse da parte di Jesolo, resterà accessibile, ma solo questa. Di fatto, però, si potrà raggiungere solo a nuoto o in barca, da Eraclea Mare o da Jesolo, e quindi molto più scomoda se non quasi impossibile da raggiungere.

Un’idea che non dovrebbe dispiacere agli investitori di Valle Ossi, un fondo internazionale, che vorrebbero realizzare la famosa darsena con posti barca e appartamenti e finora rimasti alla finestra per motivi economici, ostacoli burocratici e inchieste varie.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


C'è da chiedersi a chi giovi tutto questo... io un dubbio ce l'ho... e comunque il risultato - che farà gioire non pochi ad Eraclea, da sempre avversi alla presenza naturista e che si sono sempre opposti ad un'ufficializzazione - porta ad un accesso praticamente impossibile alla spiaggia, a meno di non "guadare" il tratto di mare che separa la darsena Mariclea dalla "penisola".


giovedì 28 aprile 2016, 14:20
Profilo
Residente
Residente
Avatar utente

Iscritto il: martedì 29 agosto 2006, 17:24
Messaggi: 1237
Località: Vicenza
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
ricorda fin troppo quello che è successo a dante


giovedì 28 aprile 2016, 19:17
Profilo
Habitué
Habitué

Iscritto il: martedì 10 maggio 2011, 10:48
Messaggi: 309
Località: vicenza
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
http://www.ilgazzettino.it/nordest/vene ... 99359.html


ho proprio voglia di vedere come andrà a finire...


giovedì 28 aprile 2016, 19:58
Profilo
Stagionale
Stagionale
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2006, 21:33
Messaggi: 176
Località: Vicenza
Rispondi citando
Ma scusate che senso ha bloccare gli accessi via terra? Un piromane non potrebbe arrivare in barca? Anzi forse va anche meglio perché cosi ci sono meno occhi che lo possono vedere.


giovedì 28 aprile 2016, 22:00
Profilo
Residente
Residente
Avatar utente

Iscritto il: martedì 29 agosto 2006, 17:24
Messaggi: 1237
Località: Vicenza
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
si chiama pretesto


giovedì 28 aprile 2016, 22:25
Profilo
Habitué
Habitué

Iscritto il: martedì 10 maggio 2011, 10:48
Messaggi: 309
Località: vicenza
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
mah... con questa politica che va avanti a proclami cui nulla segue, non mi stupirei affatto se tutto ciò fosse un falso allarme.
in effetti, pensandoci un pò, come sarebbe mai possibile "chiudere" la zona? al di là della evidente inutilità del precludere gli accessi per evitare che il piromane continui indisturbato le sue scorribande, appare impraticabile oltre che costosetto circondare la zona di barriere di filo spinato! a meno che non intendano schierare l'esercito a consentire l' entrata solo alle frotte (chi mai le ha viste?!?) di visite naturalistiche guidate!... ridicola appare poi l'ipotesi di lasciare possibile raggiungere il sito guadando la laguna dalla darsena proprio dove sono partiti gli incendi!
no, non mi convince... mi sembra più che altro un "atto dovuto", un proclama a seguito dell'incendio: che altro potevano dire i sindaci? certo, se zoggia non avesse colto l'occasione per mettere una definitiva pietra sopra all'area naturista a jesolo (non abbiamo zone adatte...) faceva più bella figura, anche nei confronti del suo consigliere naturista! ma si sa, il pudore non fa parte della politica...
no, più ci penso, meno mi preoccupo.


venerdì 29 aprile 2016, 9:43
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3639
Rispondi citando
Personalmente tanto tranquillo non sarei: se mettono dei divieti di accesso, anche senza cintare, poi ti possono comunque denunciare o almeno multare!
In Liguria (in spazi più ristretti) hanno usato questa tattica: mettevano questo divieto e poi chi c'era veniva denunciato, sia per aver violato il divieto, sia per atti contrari alla pubblica decenza! :roll:

Il bello è che avevano pure la faccia tosta di dichiarare che l'intervento non era contro i nudisti!
"noi siamo dovuti intervenire per ragioni di sicurezza!" - dicevano - "poi..siccome erano nudi...quello era un atto dovuto!" :roll: :faint:

Probabilmente al Mort un giochetto del genere sarebbe più difficile, essendo un'area abitualmente frequentata in modo ben documentato,(anche se ora, se non cambia il discorso dei 5000 euro di multa...) ma l'intervento per la sicurezza sarebbe comunque possibile .

Certo, fatico anch'io a immaginare folle di turisti a visitare il posto con le guide, ma tanto entusiasmo verso i naturisti non mi sembra che ci sia!

Pare quasi di essere in Italia.... :ghgh:

_________________
nemo


venerdì 29 aprile 2016, 10:20
Profilo
Habitué
Habitué
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 giugno 2010, 22:19
Messaggi: 450
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Io sono dell'opinione che se il Mort venisse vietato al pubblico con la motivazione di evitare,in teoria, incendi si debba fare ricorso al TAR perchè il provvidimento non eviterà questo ma nei fatti limiterà solo il diritto alla libertà dei cittadini sancito dalla Costituzione.


venerdì 29 aprile 2016, 10:53
Profilo
Habitué
Habitué

Iscritto il: martedì 10 maggio 2011, 10:48
Messaggi: 309
Località: vicenza
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
carlo ha ragione a sospettare ma già da anni gli accessi sono sbarrati e aggirati da tutti. pure i cartelli di divieto ci sono, per proprietà privata e ragioni di sicurezza. ciò per liberare dalla responsabilità i proprietari in caso di incidenti. non mi risulta che qualcuno sia stato multato per aver transitato a piedi o in bici su proprietà privata obbligato per raggiungere una spiaggia pubblica. il fatto che la spiaggia resti accessibile (anche se solo a nuoto o in barca come dice il giornale) non lede alcun diritto costituzionale. ben più grave è il sospetto sui 5000 euro di multa ai nudisti (!) ma su questo nulla c'entrano gli incendi...


venerdì 29 aprile 2016, 11:05
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 1840 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 118, 119, 120, 121, 122, 123  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010