Oggi è venerdì 26 maggio 2017, 11:13



Rispondi all’argomento  [ 312 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 17, 18, 19, 20, 21  Prossimo
 Religione e naturismo 
Autore Messaggio
Turista
Turista

Iscritto il: mercoledì 30 giugno 2010, 11:10
Messaggi: 9
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
giannige ha scritto:
Ora parto per le ferie, ma se al ritorno non trovo nessuna risposta, metterò un post in quel topic, che faccia un po' meditare anche gli altri partecipanti, con che tipo di pedagoghi e di mentalità hanno a che fare.

Volete sapere una cosa, anzi due? 1)- Non ce la facevo ad aspettare il mio ritorno dalle ferie, e ho voluto rispondere Massimo Bettetini circa quel post, che... (attenzione, attenzione!)... non esiste più!!! E' stato cancellato come si cancellano le prove di delitto! 2)- Poi, allora voglio inserire un post che spiega in estrema sintesi come sono andarte le cose, ma... bada ben, bada ben... il post, stranamente non si inserisce: probabilmente passa attraverso una specie di filtraggio, come una censura, che non fa passare i messaggi "scomodi". A questo punto non so più cosa pensare. A voi le conclusioni. Ciao a tutti


venerdì 2 luglio 2010, 8:01
Profilo
Turista
Turista

Iscritto il: mercoledì 30 giugno 2010, 11:10
Messaggi: 9
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Tant'è che non ce l'ho fatta ad apettare! Anche perchè nel frattempo mi ha risposto, forse anche in seguito a quel post leggibile al pubblico, con cui l'ho smentito sotto tutti fronti. Ne è uscita una discussione piuttosto vivace e colorita, e invito quindi i lettori di questo forum a leggerla con questo link:
http://www.facebook.com/topic.php?uid=1 ... post=66869
Che ne pensate?
P.S.- Retifico: il post non era stato cancellato, ma ero io che sono un po' imbranato in queste cose. Però il resto ci sta tutto! Ciao a tutti


venerdì 2 luglio 2010, 23:46
Profilo
eXtraJuniorAdmin
eXtraJuniorAdmin
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 16 novembre 2006, 11:51
Messaggi: 4792
Località: Marostica (VI)
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Ho spostato i post relativi all'articolo apparso su "Famiglia Cristiana" nel topic già aperto nella sottosezione "Dicono di noi".

viewtopic.php?f=117&t=17066

Continuiamo là per la discussione su quest'articolo... grazie!


mercoledì 18 agosto 2010, 11:52
Profilo
eXtraModeratore
eXtraModeratore
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 3 luglio 2006, 9:32
Messaggi: 4155
Località: Lago
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
il Reverendo Bob Horrock, vicario della chiesa anglicana dei Sette Santi a Farnworth, Bolton e' comparso in televisione in un documentario di Channel 4 portando la sua esperienza di uomo di fede e di naturista "la Bibbia celebra la nudita' e non contempla la sessualizzazione del corpo umano"

dal Daily Mail on line

A man of no cloth: Reverend, 55, is a practising naturist and tells TV documentary the Bible celebrates nudity
Reverend Horrocks set to appear in TV doc on body image
Says Bible celebrated nudity and blames advertising for sexualising the human body
Discovered naturism on holiday in Spain

23 August 2012

..His flock, as you might expect, are more used to seeing him in a cassock and dog collar.
But the Rev Bob Horrocks is rarely happier than when he is entirely defrocked.
The 55-year-old, a keen naturist who holidays at clubs for those of a similar inclination, defended his hobby yesterday, saying there was nothing anti-Christian about it.

Taking a leaf out Prince Harry's book?: Reverend Bob Horrocks is both a Church of England vicar and a practising naturist. The Bolton-based 55-year-old will appear in a TV documentary about attitudes towards the naked human body.

‘If someone sees a body uncovered, people think that’s somehow sexualised and they shouldn’t be looking at it,’ he said.
''They snigger - they are made to feel uncomfortable because it’s not part of their normal existence.

‘So much of advertising is persuading people they are not sufficient in themselves, and yet God has gifted us with the bodies we have.’
The reverend, the vicar of Seven Saints, Farnworth, Bolton, discovered naturism after straying on to a nudist beach while on holiday on the Canary Island of Fuerteventura six years ago.

‘I felt set free. But then, being a Church minister, I thought, “Is this right?” I researched the Bible and I found there was a lot of positive stuff – there is nothing condemning simple nakedness.
'It was part of life at the time of Jesus. It’s something I would’ve loved to have discovered when I was a lot younger.'
But parishioners with a more traditional approach to clothing won’t find the vicar in the nude.
‘I mostly enjoy naturism on holiday,’ he said. ‘The English climate doesn’t lend itself too well to it!’
Mr Horrocks volunteered to take part in a TV documentary as chair of the Christian Naturist Fellowship.
He said: 'I mostly enjoy naturism on holiday. The English climate doesn’t lend itself too well to naturism!'

Mr Horrocks has posed nude to discuss his views for the Channel 4 documentary entitled 'Is it a sin to bare our flesh?'

David Marshall, spokesperson for the Diocese of Manchester, said: 'The diocese supports discussion on body image and the pressures placed on individuals as a result of advertising, stereotyping and the inappropriate promotion of body perfection.'


Servizio intero con anche il video qui :
http://www.dailymail.co.uk/news/article ... z252sS89nd

_________________
Meglio essere felici che avere la verita' in tasca


giovedì 30 agosto 2012, 17:58
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3674
Rispondi citando
Mmmh!
E' dai tempi del povero Lutero che noi di Vaticalia, con quelli lì, ci abbiamo poco feeling! :ghgh:

_________________
nemo


venerdì 31 agosto 2012, 12:41
Profilo
eXtraModeratore
eXtraModeratore
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 3 luglio 2006, 9:32
Messaggi: 4155
Località: Lago
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
da nudelot, Link sito dell'associazione argentina naturista questa riflessione, in spagnolo, sul naturismo e sulla religone ad opera di un religioso cattolico:

El Cristo desnudo

«El desnudo y la religión» o «Nudismo y religión» es el título de varios artículos publicados en esta revista, tema que de por sí llama la atención de muchos. ¿Tiene algo que ver la práctica del nudismo naturista con la religión?

Parece que muchos ven en ello una gran contradicción, mas sucede que todos acarreamos nuestros propios prejuicios y preconceptos. Estimo que este es un espacio para ir trabajando sobre tales dificultades y puede favorecer un mayor diálogo, respeto y comprensión.

Profeso desde siempre la religión cristiana católica, y realmente a mí, nunca me sirvió de obstáculo el ser miembro de este colectivo para vivir en libertad, pues, según el NT, Cristo murió para que seamos libres… y murió desnudo en una cruz. Luego, la pudicia cubrió al Salvador con un taparrabo para no herir la susceptibilidad de nadie, pero la verdad es que en la cruz, Jesús estuvo desnudo.

Nada me impresiona más que contemplar a Jesús Crucificado, el Desnudo de la cruz, el despojado, el totalmente pobre, sin nada más que su piel y la convicción de estar cumpliendo la voluntad de su Padre. El espectáculo de la muerte del Salvador es algo estremecedor, los cristianos lo celebramos con gran unción y recogimiento en los días de la Semana Santa.

Música, pintura y escultura han procurado expresar esos últimos momentos de Jesús de manera admirable, algunas obras provocan en quienes las contemplamos un sinfín de emociones, pues lo que lo que nos describen los Evangelios es algo terrible y fascinante. Suspendido entre el cielo y la tierra está Él, Cristo, desnudo para la salvación de los hombres.

En algunas notas, los escritores prefieren ligar la práctica del nudismo con la creación según lo describen los autores de Génesis, algo así como una sintonía con los orígenes, una comunión con la naturaleza. Por mi parte prefiero asociarme más al Salvador desnudo en la cruz, desde donde derrama su Espíritu a toda la creación, para que ésta sea totalmente nueva.

Soy bastante nuevo en la práctica del nudismo socializado, y lo considero una práctica liberadora, no sólo de la ropa, lo cual sería una impresión por demás superficial, considero que el poder estar desnudo delante de otros hermanos, mujeres y varones, en un clima de respeto, libertad y camaradería es adelanto de los cielos y tierra nuevos que Jesús inició en la cruz.

Ciertamente en los espacios naturistas que he visitado, reina el deseo de poder expresarse con mayor libertad, con total espontaneidad y sencillez, sin máscaras ni tabúes. Allí he podido dialogar abiertamente de diferentes temas con los presentes, he podido tener mi espacio de libertad personal sin ser invadido o avasallado por algún imprudente.
Recuerdo con agrado mi paso por las playas «Querandí» y «Escondida», en febrero pasado, ambos lugares de tranquilidad y buen humor. La gente que allí se agrupaba supo recibirme con muestras de simpatía y hermandad, algo que tanta falta hace en este momento en que ambas cosas parecen estar ausentes de las noticias diarias.

Ahora bien ¿de dónde viene tanto prejuicio hacia el cuerpo desnudo? ¿Por qué ha sido la religión – me refiero exclusivamente a la cristiana católica- un obstáculo para el cuerpo?

Tengamos en cuenta que el cuerpo humano es lo más inmediato que tenemos, ya que somos un cuerpo. Según parece, ello viene de que en algún momento de la Historia, el cristianismo se «contaminó» de elementos provenientes de la filosofía dualista, que considera que la realidad está dividida entre lo material (cuerpo) y lo espiritual (alma)

. En estas corrientes de pensamiento lo superior es lo espiritual separado de manera antagónica de lo material, recordemos que algunos sostuvieron que el cuerpo era «la cárcel del alma». No encontramos en los escritos que hoy veneramos los cristianos como sagrados (NT), apoyo alguno para semejante afirmación, con todo este pensamiento entró a formar parte de la jerga cristiana, y hombres y mujeres no fuimos ya la maravilla creada por Dios, sino los «desterrados hijos de Eva», la tierra dejó de ser aquello que Dios había visto como bueno para convertirse en «este valle de lágrimas».

El pensamiento cristiano, así, se vio teñido de esta «antropología negativa», tan común, aún hoy, en el pensar y decir de muchos católicos. El cuerpo, realidad opuesta al alma, fue censurado, objeto de vergüenza y desprecio. Algo que había que mortificar y ocultar, pues era el lugar donde se movían fuerzas extrañas y oscuras que luchaban contra el espíritu. Es curioso que semejante pensamiento haya prevalecido sobre la mismísima Palabra de Dios que afirma que «el Verbo se hizo carne» (Jn 1, 14), es decir, el Hijo de Dios, Jesús, se hizo hombre, uno de nosotros, con un cuerpo de carne, no una humanidad aparente, sino una corporeidad concreta y real.

Los autores de los Evangelios se esfuerzan en explicitar que el mismo Cristo Resucitado tiene un cuerpo, no es un fantasma o cualquier suerte de alucinación colectiva (Mt 28, 9; Lc 24, 39-40.42; Jn 20, 20.27; 21, 15). El mismo Dios quiso hacerse uno de nosotros asumiendo la naturaleza humana en su totalidad, quiso, y quiere, ser nuestro hermano, el que comparte todo con nosotros, también nuestra humanidad corporal.

En la Navidad es eso lo que celebramos que Dios ya no está perdido en alguna nube o en quien sabe que alturas, sino que está ahora con nosotros, la profecía de Isaías se ha cumplido (Mt 1, 23).

Pablo de Tarso, uno de los grandes difusores de la fe en Jesús en las primeras décadas del movimiento, les recordaba a los fieles de Corinto la bellísima dignidad del cuerpo humano (1 Co 6, 19) llamándolo «Templo del Espíritu».

Se me ocurre que si todos nos concientizamos de la belleza, bondad y dignidad de la persona humana, que comprende la totalidad del hombre y la mujer, no sólo algunos aspectos, sino todo, también el cuerpo, nuestra historia sería muy otra.

El naturismo busca armonía, comunión ecológica y expresión, considero que la religión no debe ser un obstáculo para semejante cometido, antes por el contrario, cada una de las diferentes confesiones hermanas, deberían favorecer espacios de integración corporal y ecológica.

Desde el nudismo naturista se puede, a mi entender, avanzar hacia una mayor comprensión de la persona humana, de respetar a cada mujer y hombre en su integridad vital, que incluye, indiscutiblemente, su propio cuerpo.

También yo, siendo sacerdote católico, encuentro mucha paz rezando a Jesús desde mi desnudez, me siento también en comunión con otros hermanos que en el mundo están desnudos no por opción sino por imposición, es una humilde manera de estar cerca de ellos, también experimento lo que muchos afirman, la sintonía, hermosa por cierto, con la naturaleza, mas considero mi cuerpo como la naturaleza más inmediata que soy.

Eduardo
Sacerdote nudista

_________________
Meglio essere felici che avere la verita' in tasca


venerdì 21 settembre 2012, 19:09
Profilo
eXtraModeratore
eXtraModeratore
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 3 luglio 2006, 9:32
Messaggi: 4155
Località: Lago
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
estraggo un pezzo di un articolo che mi ha fatto molto pensare: per alcuni religiosi integralisti gia’ un ragazzo a petto nudo diventa portatore di un messaggio sessuale

siamo veramente lontanissimi dall’idea naturista

.... il ragazzo ..... si dichiara un devoto musulmano. Non fuma “in quanto Dio lo proibisce”, guai a bere e raramente si toglie la maglietta perche’ “non vuole che le ragazze si facciano venire idee”.
Da Il Corriere della Sera del 20 aprile 2013 pag. 21 articolo di Guido Olimpio “In America non ho nessun amico”

_________________
Meglio essere felici che avere la verita' in tasca


domenica 21 aprile 2013, 10:11
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3674
Rispondi citando
Scusa se te lo dico, Frambos ma...mi sa che hai scoperto l'acqua calda!

Cosa credevi? che le rive del Nord Africa fossero costellate di spiagge naturiste mentre le nostre no? :lol:

Non so se lo sai (tranquillo: se anche non lo sai, non è una grave lacuna... :lol: ) ma i musulmani, nelle loro terre, (con parziali eccezioni, almeno in passato, in Paesi come la Tunisia) fanno il bagno, uomini e donne, indossando la tunica (galabeya) che copre anche braccia e gambe!
E questo non vale solo per i "buoni" musulmani: vale anche per quelli "cattivi", che comunque devono adeguarsi ai costumi del luogo, proprio come accade da noi! Paese che vai...

Ricordo un episodio di molti (troppi...) anni fa che per me è illuminante, riguardo alle diverse convenzioni sociali:

Durante un viaggio organizzato, facevo con la famiglia un bagno nella piscina di un lussuoso hotel del Cairo, riservato a turisti o ad Egiziani molto ricchi.

(prima lezione: se sei molto ricco, le convenzioni le decidi tu, in qualunque parte del mondo... :ghgh: )

Con noi c'era anche la nostra guida, un Egiziano vissuto a lungo in Europa, in procinto di sposarsi con una collega Italiana. Naturalmente indossavamo tutti il costume da bagno.
Ad un certo punto lui cominciò ad esporci certi suoi timori riguardo le diverse usanze dei vari Paesi (vi assicuro che cito quasi testualmente, per quanto la memoria mi assiste!):

"voi"
- disse -
"mi vedete qui in costume; per voi è una cosa normalissima e lo è anche per me, avendo vissuto a lungo in Europa, ma ad Alessandria d'Egitto, dove abito, sarebbe semplicemente impensabile! Non è vietato dalla legge, è semplicemente fuori discussione: da noi il corpo viene considerato "sporco" "esteticamente brutto" oppure, se bello e giovane, troppo provocante: da noi mostrarsi in costume sarebbe un gesto ridicolo, di incomprensibile maleducazione, cattivo gusto, incomprensibile provocazione, intollerabile esibizionismo! Tant'è vero che io sono contento quando posso fare il bagno in costume perchè mi sento molto più libero, ma ad Alessandria indosso la galabeya così come, vi assicuro, fareste anche voi! I miei amici e parenti nemmeno lo sanno che faccio il bagno in costume, perchè ho provato a parlarne ma mi son reso conto che per loro è incomprensibile ed inaccettabile..."

Non so a voi ma a me tutto questo ricorda qualcosa circa il nudismo in Italia ;)

_________________
nemo


domenica 21 aprile 2013, 13:21
Profilo
Habitué
Habitué
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 11:22
Messaggi: 418
Località: Milano
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Bellissimo il racconto di Carlo, e si, ricorda tanto la reazione di certi amici quando fai presente di essere naturista. un piccolissimo aneddoto, per rincarare la dose: ottobre 2002, vacanza a Sharm el Sheick, barca sub, arriviamo ad un punto d'immersione (Jackson Reef) dove ci sono altre barche, ci buttiamo, stiamo scendendo quando vediamo, nel gruppo di sub di un'altra barca, una donna con l'attrezzatura completa, la muta e sopra una veste svolazzante nell'acqua ed un niqab in testa!!!!

non vi dico poverina la fatica che faceva a muoversi sott'acqua!

_________________
[url]www.golosa-mente.com[/url]


lunedì 22 aprile 2013, 11:00
Profilo WWW
eXtraModeratore
eXtraModeratore
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 3 luglio 2006, 9:32
Messaggi: 4155
Località: Lago
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
da
http://labuonastrada.wordpress.com/2013 ... ment-16385

I credenti che vanno al mare glorificano Dio con il corpo mezzo nudo?

«E non sapete voi che il vostro corpo è il tempio dello Spirito Santo che è in voi, il quale avete da Dio, e che non appartenete a voi stessi? Poiché foste comprati a prezzo; glorificate dunque Dio nel vostro corpo» (1 Corinzi 6:19-20)

Fratelli nel Signore, dovete sapere che Dio ha comandato ai santi di possedere il proprio corpo in santità ed onore, non solo il cuore; Iddio si è dato pensiero anche del corpo e lo ha comunicato agli uomini attraverso le sacre Scritture, secondo quanto è scritto:
«Perché questa è la volontà di Dio: che vi santifichiate, che v’asteniate dalla fornicazione, che ciascun di voi sappia possedere il proprio corpo in santità ed onore, non dandosi a passioni di concupiscenza come fanno i pagani i quali non conoscono Iddio;» (1 Tessalonicesi 4:3-5)

Diletti e fedeli in Cristo, voi non dovete assomigliare ai pagani nella vostra condotta, perché Iddio vi ha comprati a prezzo e tutti i credenti devono santificarsi oltre che nel cuore e nella mente, anche nel corpo.

Vi esorto, dunque, a non mettervi mezzi nudi al mare, né in piscina, né nei laghi e neppure nei fiumi, perchè Iddio vuole che i suoi figlioli non si diano a passioni di concupiscenza carnale, ma si santifichino il più possibile, secondo quanto ha ordinato:
«poiché sta scritto: Siate santi, perché io son santo.» (1 Pietro 1:16)

Se a Dio non importasse se i suoi figlioli andassero in giro mezzi nudi, non avrebbe lasciato scritto di possedere il proprio corpo in santità ed onore, quindi, siccome andare al mare mezzi nudi non si possiede il proprio corpo né in santità né in onore, si disonora il Tempio dello Spirito santo che abita nel cristiano, si pecca e il Signore se ne dispiace.

Cari nel Signore, fate attenzione, dunque, non date retta a quei cianciatori che vi chiedono soldi ma non vi ammoniscono per il vostro bene, e vi insegnano falsamente che potete fare tutto ciò che volete, mostrando chiaramente che non si prendono cura delle vostre anime; mentre noi,invece, vi esortiamo a santificarvi per il bene dell’anima vostra e pure del vostro corpo. Costoro ci accusano di imporvi regole carnali tacciandoci come legalisti, ma dicono questo falsamente, perché noi non imponiamo nessuna regola carnale, nè tradizioni umane, in quanto noi vi facciamo sapere quello che è scritto e ciò che fa parte della volontà di Dio, quindi non vi esponiamo il nostro peculiare pensiero, umano e carnale, ma parliamo perché sospinti dall’amore verso di voi e verso la verità della Parola di Dio, con l’intento che nessuno di voi rimanga indietro e sia privato della grazia di Dio.

Fratelli nel Signore, dico a voi che siete nati di nuovo, ascoltate ciò che sta scritto nella Parola di Dio e ubbidite ai comandamenti del Signore.

Giuseppe Piredda

_________________
Meglio essere felici che avere la verita' in tasca


lunedì 26 agosto 2013, 12:13
Profilo
Celebrità
Celebrità
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 febbraio 2006, 13:51
Messaggi: 2283
Località: Direttrice nord-est/sud-ovest
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Si rivolge a quelli che vanno al mare "mezzi nudi". A noi non ci riguarda. :ghgh:

_________________
La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l'occasione.


lunedì 26 agosto 2013, 13:08
Profilo
eXtraJuniorAdmin
eXtraJuniorAdmin
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 16 novembre 2006, 11:51
Messaggi: 4792
Località: Marostica (VI)
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
:rotfl:


lunedì 26 agosto 2013, 14:00
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3674
Rispondi citando
Sì, però, se andiamo a cercarci su Internet tutti gli sproloqui fanatici che ci sono e li riportiamo qui con grande evidenza...
Questo è un sedicente "Cristiano Pentecostale" che citando a casaccio una serie di frasi del vecchio e del nuovo testamento che invitano semplicemente al "rispetto per il proprio corpo" oltre che dell'anima, tra l'altro senza fare il minimo cenno alla nudità totale o parziale e per la verità nemmeno al sesso, (se si eccettua un generico invito a "non fornicare", che nessuno ha mai capito cosa voglia dire di preciso...) ne deduce che bisogna fare il bagno vestiti..

_________________
nemo


martedì 27 agosto 2013, 11:07
Profilo
Turista
Turista

Iscritto il: martedì 11 dicembre 2012, 17:52
Messaggi: 97
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
l'ebreo nudista da http://youngnaturistsamerica.com/jewish ... sm-nudism/

Jewish Nudists – Jewish religion and nudism have both been around for centuries. But what is the Jewish religion’s view on nudism and being a Jewish nudist?

First, it should be noted that there are different forms of Judaism, all of which share some basic beliefs. These forms are mystic Judaism, traditional Judaism, Reform and Humanistic Judaism (to name but a few). One of the basic beliefs that all of these forms share is in the ancient festival rituals, as well as the belief regarding the nature of God and humankind and the relationship between them.

As well as sharing common beliefs, the different forms of Judaism have their separate beliefs as well. And so it is regarding naturism. The most basic belief is that nudism is only acceptable when absolutely necessary, such as when taking a shower, during certain religious rituals or during sexual intimacy. Different Jewish cultures and traditions, as well as their interpretation of the Halakha, determines how much of one’s body must stay covered both in public and in private.

Those who practice strict orthodox Judaism believe that the body should be covered and afford limited viewing by others, including one’s spouse. They follow the laws of Tznius, which means modesty. Women cover their bodies between elbows and knees, and married women cover their heads. Men must all cover upper arms, collarbones, legs and hair. Some still follow the Code of Law in the Hulchan setting forth that when using the bathroom, one must expose as little of their body as possible, and that they change before and after bed under the covers. They also believe that although both husband and wife must be naked during sex, the act must be completed under the covers and in complete darkness.

Seemingly contrary to the belief in covering one’s body, a ritual bath called “mikvaot” is practiced in some Jewish communities. All clothing, bandages and jewelry are removed before the person is submerged completely in water.

On the other hand, while not condoning naturism, more liberal Jews leave the decision up to each person.

However, there is a form of Judaism called Jewish Ascetic Nudism which embraces nude ascetic Jewish rituals. Those who practice this form of Judaism come from varied backgrounds and include those who are traditional to those who are liberal. It is felt that Ascetic Nudism is a spiritual path that is rich and rewarding. It is believed that by removing clothing during observance of rituals that they are acknowledging their wholeness as a living being that has already been blessed by God and not needing anything else to survive on this earth.


Michael Satlow wrote an article in the “Journal of Biblical Literature” wherein he sets forth the reluctance of Jewish men to be naked. He further discusses a Jewish law which states, “A woman who goes outside with even her head uncovered or garments ripped can be divorced… all the more so if she attends a bathhouse in which there are men.” Although there are different forms of Judaism with varied beliefs regarding nudism, it is obvious that the majority still believe in modesty.

This article about Jewish Nudists was published by – Young Naturists And Nudists America YNA


sabato 11 ottobre 2014, 10:41
Profilo
eXtraModeratore
eXtraModeratore
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 3 luglio 2006, 9:32
Messaggi: 4155
Località: Lago
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Festival nudisti, don Citro dice no
L’organizzatore: «Dio ci ha fatti nudi»
Il prete-rock del Meeting del Mare: «La cultura della natura non è togliersi le mutande»
De Gennaro (Uni Campania): «Sbagliato pensare che sia un peccato spogliarsi»


il parroco di Marina di Camerota, noto per organizzare un festival rock, attacca violentemente il Festival naturista previsto a maggio

articolo completo dal Corriere del Mezzogiorno

http://corrieredelmezzogiorno.corriere. ... f583.shtml

_________________
Meglio essere felici che avere la verita' in tasca


giovedì 2 aprile 2015, 9:18
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 312 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 17, 18, 19, 20, 21  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Eymerich e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010