Oggi è lunedì 24 aprile 2017, 18:59



Rispondi all’argomento  [ 90 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo
 Nudo, nudismo, porno in tv. 
Autore Messaggio
Turista
Turista

Iscritto il: lunedì 2 ottobre 2006, 9:37
Messaggi: 80
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Ahimè..Chi è un pelino più anziano si ricorda della famosa foto dell' Avvocato ( Agnelli per i non torinesi..) in barca con il pisello al vento. Credete che abbia spostato di una virgola l' accettazione del naturismo sulle spiagge.. anzi, piuttosto lo caricaturizza com un fenomeno da bizzarri o ricchi o comunque strani..Il punto è che se non si arriverà a scrivere una legge che "imponga" la tolleranza - come peraltro è capitato in Spagna dopo anni di franchismo, chi lo avrebbe mai detti negli anni 60/70?-gli intolleranti ed i maleducati sono più numerosi.
Mi domando solo una cosa; così come ormai tutti gli stati europei stanno legiferando per imporre che una coppia è fatta di due persone non necessariamente di sessi diversi (e forse presto capiterà anche da noi), e che in Europa il naturismo sta bene o male entrando nel costume ( scusate il bisticcio)comune, forse arriveremo anche da noi ad una liberalizzazione in tempi non biblici .
Speriamo che le elezioni portino ad un aumento del buon senso

_________________
Se gridi nel silenzio, sembri un pazzo.Se gridi quando tutti urlano, nessuno ti sente


domenica 24 febbraio 2013, 21:39
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3656
Rispondi citando
So di ri-ri-ri...ripetermi, comunque:

Non sono esperto ma non mi sembra facile pensare ad una legge che consenta il nudismo visto che non ce n'è una che lo vieti! Basterebbe che si decidesse che non costituisce "un atto contrario alla pubblica decenza " come è successo in Spagna ma la nostra Cassazione ha dichiarato ancora di recente di pensarla diversamente...

Una legge potrebbe almeno stabilire delle regole per dedicare o riservare degli spazi al naturismo e sarebbe già molto solo che se si fa una legge che tenga conto del parere della Cassazione, praticamente spazi adatti in Italia ce ne sono ben pochi!

Il discorso sul "buon senso" e sull'educazione non mi convince molto: o il nudo è offensivo o non lo è, non è una questione di esibirsi o non esibirsi!

Quindi i casi sono solo tre: o è offensivo ed allora, come accade oggi, ci si spoglia solo in posti veramente nascosti, o non lo è ed allora, come accade in Spagna ci si può spogliare ovunque non sia esplicitamente vietato. Oppure, terza possibilità, ci sono delle regole chiare che stabiliscono dove ci si può spogliare e dove no (ma da noi in questo caso c'è il rischio che succeda come in Emilia Romagna dove in sostanza chiude perfino l'unica spiaggia dove prima si poteva)

Quanto al discorso sul dichiararsi naturisti o porno attori non mi sembra si possa fare un paragone! Sono due cose ben diverse, insomma, è un po' come dire se dichiararsi porno-attori o vegetariani!

Il domani cambierà qualcosa? La testa degli Italiani? Mah, io, ormai da decenni, in ferie vado all'estero....
Ciao

_________________
nemo


domenica 24 febbraio 2013, 23:13
Profilo
Stagionale
Stagionale
Avatar utente

Iscritto il: martedì 15 maggio 2012, 14:12
Messaggi: 158
Località: Roma
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Non cerchero' di convincerti, ma di spiegarmi meglio si! Innanzi tutto ti faccio una domanda. Il termine offensivo si riferisce ad una percezione soggettiva del pudore, o ad una "presunzione di legge" cioe' diciamo "oggettiva", quando scrivi questo:
carlo ha scritto:
So di ri-ri-ri...ripetermi, comunque .....
Il discorso sul "buon senso" e sull'educazione non mi convince molto: o il nudo è offensivo o non lo è, non è una questione di esibirsi o non esibirsi!
Francamente io non credo che tutti gli spagnoli la pensino allo stesso modo sulla nudita'! Come in Italia esisteranno i "pudichi" ed i "disinibiti"! La differenza col nostro paese e' probabilmente nei "numeri in percentuale" di queste categorie, che secondo me ha dato il via libera ad una legislazione piu' "moderna". A sua volta la legislazione consentendo la libera scelta di come stare, favorisce la crescita di una "cultura" di nudismo diffuso. Quindi se tu, Carlo, dici che la nudita' altrui per qualcuno e' offensiva, o non lo e', vale su scala individuale o familiare, ma in generale quando interviene una legge deve (dovrebbe!) mediare tra le sensibilita' di tutti. Andare in giro liberamente armati e' vietato in molti paesi, ma e' consentito (e diffuso) in molti altri! Eppure anche in quelli dove e' vietato ad alcuni e' concesso, o in alcuni luoghi. Ovviamente anche nei paesi che consentono di girare con la pistola addosso, esistono limiti di esercizio di questa "discutibile" liberta'! Per adesso sospendiamo l' eterna questione se e' la legge che deve cambiare una situazione, o una cultura diffusa che deve far cambiare la legge! Voglio tornare su "buon senso" di cui sopra! Mi aiuto nel ragionamento con un esempio. Da un dozzina di anni trascorriamo una parte delle nostre vacanze in Corsica! A parte le famose spiagge da cartolina comprese quelle "naturiste", saremo andati in un ventina di calette semisconosciute, piu' facilmente raggiungibili dal mare, che da terra! Il piu' delle volte abbiamo avuto compagnia. La gran parte delle famiglie francesi (come si sa' sono mediamente numerose, per le note lungimiranti politiche sulla tutela della maternita') con le quali abbiamo condiviso la spiaggetta per l' intera giornata si comportava cosi': Raggiunta la spiaggia, si spogliavano senza problemi (via mutandine reggiseni, ... genitori e figli/e ....!), e infilandosi ognuno il proprio costume, che toglievano bagnato per indossare nuovamente l' "intimo"! Senza teli per coprirsi, senza acrobazie da circo! Potremo definirli nudisti (o naturisti)? Direi di no, sono senz' altro dei "costumati", ma normalmente disinibiti! Evidentemente si tratta di una nudita' momentanea che in un contesto di persone nomali e non morbose non puo' e non deve offendere nessuno! Se uno di noi in Italia, per esempio, a Forte dei Marmi, decide di indossare il costume in spiaggia rimanendo nudo per 20 secondi, io gia' mi immagino le facce dei vicini di "tenda"! Allora per cortesia non parliamo di offesa del pudore, non qui! Non su XV, su un Forum naturista! Chiamiamo questa "fenomenologia" italica diffusa col suo vero nome "morbosita'", "nudofobia", fissazione! Tornando invece ad un contesto di normalita', io sono, d' accordo con te Carlo che si puo' avere disagio rispetto al nudo di estranei ravvicinato, continuativo, senza cautele! Questo puo' offendere qualcuno, e credo che anche questo diritto vada salvaguardato, rovesciando i termini della questione, vietando il nudo nei luoghi dove questo oppare inopportuno! Tutto evolve! Guardiamo a quello che e' successo nel mondo del cinema: Sbaglio o fino a pochi anni fa molte attrici italiane di successo si vantavano con fierezza, nel loro curriculim, di essersi rifiutate di girare scene di nudo, anche con grandi registi! Oggi apparire in una pellicola di un maestro "senza veli" e' una medaglia alla carriera, anche per i maschietti! Ed il pubblico non dice piu': ..... che vergogna, 'sto zozzone ...!
Prima o poi anche per il naturismo in Italia ci sara' pace. Se ci vogliamo arrivare in cinque anni o cinquanta, dipende da noi! Se tutti noi andiamo solo all' estero e' piu concreta la seconda ipotesi! Ciao Ciao!


lunedì 25 febbraio 2013, 9:31
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3656
Rispondi citando
Solo un paio di precisazioni o anche tre:

-Avendolo già spiegato in altre occasioni forse mi sono espresso male: non è che io non creda nel buon senso e nell'educazione in assoluto! Semplicemente non credo sia sempre sufficiente!

-Ho usato il termine "offensivo" ma lo sostituirei con "lecito" .

-Ormai ho una certa età: quando molti anni fa mi sono accostato alla pratica naturista, in Corsica, pensavo che di lì a poco le cose sarebbero cambiate anche da noi! Poi, molti decenni fa c'è stata la liberalizzazione nell'allora ultraconservatrice Spagna ed ho pensato "se l'hanno fatto loro..." Poi è toccato perfino alla Gracia e al Portogallo!
Cosa è successo da noi?
Si sono gradualmente intensificate le denunce e la Cassazione, ancora in una sentenza del 2012 ha ribadito che il nudo costituisce "atto contrario alla pubblica decenza" ed è perseguibile come tale.....(a proposito: chi ha parlato di offesa al pudore?)

_________________
nemo


lunedì 25 febbraio 2013, 10:48
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3656
Rispondi citando
Ciao Sunchild, hai scritto:

Cita:
io sono, d' accordo con te Carlo che si puo' avere disagio rispetto al nudo di estranei ravvicinato, continuativo, senza cautele!


Veramente non è che lo pensi io! Io mi sono limitato a constatare quello che spesso dicono di pensare gli altri!

Cita:
Questo puo' offendere qualcuno, e credo che anche questo diritto vada salvaguardato, rovesciando i termini della questione, vietando il nudo nei luoghi dove questo oppare inopportuno!


Il cuore del problema è proprio questo: se si parte dal tuo presupposto che il nudo in pubblico vada vietato quando è inopportuno e si accetta il principio che in presenza di "tessili" possa essere inopportuno, succede quello che infatti succede da noi e cioè che il nudo non è praticamente mai opportuno e di conseguenza è praticamente sempre vietato! Dova la trovi una spiaggia priva di tessili da noi? Non ce ne sono!

Ciao

_________________
nemo


lunedì 25 febbraio 2013, 17:19
Profilo
Celebrità
Celebrità
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 febbraio 2006, 13:51
Messaggi: 2276
Località: Direttrice nord-est/sud-ovest
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
zacxzac ha scritto:
Ahimè..Chi è un pelino più anziano si ricorda della famosa foto dell' Avvocato ( Agnelli per i non torinesi..) in barca con il pisello al vento. Credete che abbia spostato di una virgola l' accettazione del naturismo sulle spiagge.. anzi, piuttosto lo caricaturizza com un fenomeno da bizzarri o ricchi o comunque strani..


Mi ricordo di quella foto :nonnetto: , ma è evidente che non abbia spostato di una virgola l' accettazione del naturismo sulle spiagge. L'Avvocato è solo stato fotografato nudo quando pensava che nessuno lo vedesse. Per cambiare non una, ma più virgole, avrebbe dovuto dichiararsi pubblicamente naturista e promuovendo il naturismo. Ma così non è stato.

_________________
La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l'occasione.


lunedì 25 febbraio 2013, 17:30
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3656
Rispondi citando
Qualcuno di voi davvero pensa che se qualche personaggio celebre si dichiarasse naturista, cambierebbe qualcosa?
Io non lo credo! Forse se fossero in molti ma per dichiararsi in molti dovrebbero essere in molti ad esserlo e così non è!
I nostri personaggi celebri sono Italiani e come noi ragionano e si comportano: solo con più soldi!

Alcuni di loro, da giovani, proprio come un certo numero di noi, magari qualche volta all'Estero si sono anche spogliati ma così , occasionalmente, per fare qualcosa di nuovo e un po' trasgressivo!

(mi vengono in mente Luca Vialli, finito molti anni fa in prima pagina su un settimanale tipo Novella 2000 coperto solo da un pallone, o il "peccato di gioventù" confessato dalla Litizzetto: giusto roba da farci su due risate!)

Altri invece andando all'estero ne sono infastiditi: mi viene in mente Fiorello che più di una volta in TV, scherzosamente ma fino ad un certo punto, si è lamentato dei nudisti di Formentera!


D'altra parte come diavolo si fa ad essere naturisti in un Paese dove il nudo è un reato?

_________________
nemo


lunedì 25 febbraio 2013, 23:10
Profilo
Stagionale
Stagionale
Avatar utente

Iscritto il: martedì 15 maggio 2012, 14:12
Messaggi: 158
Località: Roma
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Ciao Carlo. ......."Me sa che te stai a riggira' la frittata" ........
carlo ha scritto:

Cita:
Questo puo' offendere qualcuno, e credo che anche questo diritto vada salvaguardato, rovesciando i termini della questione, vietando il nudo nei luoghi dove questo oppare inopportuno!


Il cuore del problema è proprio questo: se si parte dal tuo presupposto che il nudo in pubblico vada vietato quando è inopportuno e si accetta il principio che in presenza di "tessili" possa essere inopportuno, succede quello che infatti succede da noi e cioè che il nudo non è praticamente mai opportuno e di conseguenza è praticamente sempre vietato! Dova la trovi una spiaggia priva di tessili da noi? Non ce ne sono!

Ciao
Adesso lasciamo stare il testo scritto, da me, con evidente fatica di sintesi e quindi forse dovro' precisare meglio. Il punto Carlo e' che io considero quella che ho definito nudita' "occasionale", o "momentanea" o chiamala come vuoi tu .....del tutto priva di capacita' offensiva (o "turbativa della coscienze" o "spaventevole" .....). Per me una signora o un signore che si toglie velocemente il costume per indossare una mutanda asciutta, (in spiaggia ovviamente, non in una piazza) non vale neanche la pena di classificarla come nudita'. Chi si turba o offende per questo (non tu Carlo perche' hai gia' anticipato che sei dalla parte dei nudisti) secondo me e' un po' morboso! Ma non lo dico con rancore o cattiveria, ma con tenerezza. E trattandosi di un fatto "patologico" no dovrebbe spostare troppo il nostro vero dilemma. Infatti noi naturisti soffriamo a non poter stare a lungo nudi su spiagge dove vogliamo fare il bagno, leggere, giocare con (in ordine di divertimento) cane, figli, amici, moglie, ......passeggiare, raccogliere sassolini e legnetti ....e tante altre cose! Siccome questa nudita', indubbiamente continuativa e ravvicinata (essendo dinamica) puo' disturbare qualcuno, io credo che avere il diritto di non disturbare e di non essere disturbati sia cosi' reciproco, che un buon legislatore brillantemente dovrebbe risolvere la questione cosi': A) Piccola percentuale di spiagge naturiste autorizzate DOC (mi basterebbe moltiplicare per 5 le spiagge indicate nella nuova guida naturista di Castellani), dove i costumi semplicemente non si vedono. Magari in alcune affidando la gestione (pulizia salvamento bagnanti ristoro) alle associazioni naturiste. B) Vietare la nudita' nelle spiagge "urbane" infrastrutturate (fortemente affollate) dove vi sono ragioni di opportunita' che facilmente si possono intuire e che francamente trovo superfluo spiegare in questa sede. Prendiamo come spunto il divieto ad entrare in estate nella chiese in canottiera, non serve neanche ipotizzare un reato, si tratta di buona educazione e rispetto. C) Il restante 80% delle spiagge potrebbe essere anche clothing optional, satabilito che "gli atti contrari alla pubblica decenza" non si ravvisano in una innocente nudita' familiare. anche qui' sara il buon senso a regolare i rapporti. (ancora una volta mi affido ad un esempio per fare capire cosa intendo: in questa mia ideale "configurazione" le cose potrebbero andare cosi': Un tranquillo e distinto signore nudo (caio) nota che un altro signore nudo e agitato (tizio) che facendo atti sessuali espliciti segue e disturba una ragazza sola e spaventata (sempronia). Bene quando arrivera' la polizia chiamata da caio, egli non avra' bisogno di rivestirsi frettolosamente per evitare una sanzione, (casomai lo fara' per buon gusto ed rispetto nei confronti dei poliziotti, vestiti), ma rendera' una testimonianza che consentira' di far avere a tizio la giusta sanzione per il suo comportamento fuorilegge ("gli atti osceni ....."). Caro carlo la mia fantasia, rappresenta, sia una opinione personale, sia un auspicio! So bene che per ora le cose non vanno cosi'! Pero' io guardo a questo mondo imperfetto con ottimismo, senza complessi di inferiorita'! Le assoluzioni e le condanne non sono solo casi giuridici e numeri statistici. Sono sicuro che ricevere una multa o una condanna perche' si fa qualcosa in cui si crede profondamente (sapendo di avere regione in coscienza) ha un sapore diverso, dall' essere "pizzicati" mentre si fa qualcosa che si sa, essere riprovevole o dannoso per gli altri! In my opinion , of course! Ciao


martedì 26 febbraio 2013, 1:56
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3656
Rispondi citando
Ciao Sunchild
A proposito di sintesi, quello che tu auspichi e che tutti noi auspichiamo, altro non è che una situazione simile a quella degli altri Paesi della costa Mediterranea Europea!
Purtroppo da noi non è così: e non è così da ieri! Non è così da molti decenni!
E dopo molti decenni non esiste da noi un movimento di opinione pubblica consistente favorevole al nudismo:
i quotidiani, di qualunque ispirazione, riferiscono le notizie delle varie denunce come se fossero la cosa più logica del mondo!

_________________
nemo


martedì 26 febbraio 2013, 9:12
Profilo
Celebrità
Celebrità
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 febbraio 2006, 13:51
Messaggi: 2276
Località: Direttrice nord-est/sud-ovest
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
carlo ha scritto:
Qualcuno di voi davvero pensa che se qualche personaggio celebre si dichiarasse naturista, cambierebbe qualcosa?


Un conto è dichiararsi naturisti, un conto è promuovere il naturismo. E' se a promuovere il naturismo fosse qualcuno che ha "presa" sulle masse, il naturismo sarebbe sdoganato. Per questo ho fatto l'esempio di Saviano.

_________________
La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l'occasione.


martedì 26 febbraio 2013, 9:52
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3656
Rispondi citando
Ma sai, cosa potrebbe fare uno che ha presa sulle masse per promuovere il naturismo, oltre che dichiararsi naturista?
Spogliarsi no perché è vietato.
Potrebbe spendere qualche parola ogni tanto (ed ammetto che sarebbe già meglio di niente) ma senza esagerare perché altrimenti, in un Paese che il naturismo non sa cosa sia, perderebbe di credibilità in ciò per cui è influente.
Facciamo l'esempio di Saviano, visto che l'abbiamo nominato naturista "ad honorem".
Saviano è uno scrittore che si occupa prevalentemente di mafia: un suo eccessivo impegno per una causa come la nostra probabilmente finirebbe per apparire futile! Discorso simile varrebbe più o meno anche per gli altri.
A monte però, ti ripeto, c'è il problema che da noi i naturisti sono proprio pochi ed ancora più pochi quelli che lo considerano un argomento degno di nota!
Ricordo ancora la ciclo-nudista di Torino del 2012 che, credo unica al mondo si svolse.....in costume!: come annunciato dalle autorità, verso i pochi nudisti non ci fu tolleranza e nessuno ma proprio nessuno ebbe niente da ridire!

_________________
nemo


domenica 3 marzo 2013, 23:27
Profilo
eXtraModeratore
eXtraModeratore
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 3 luglio 2006, 9:32
Messaggi: 4141
Località: Lago
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Mentre noi stiamo a preoccuparci del naturismo, al Festival del cinema di Venezia e' stato presentato un film con l'ennesimo attorno porno sdoganato tale James Deen, attore molto popolare fra le minorenni statunitensi e che ha gia' avuto molte apparizioni nella TV americana
Forse il problema del naturismo e' che non e' porno e quindi non e' di moda?
da Il Post del 8 febbraio 2012, qui sotto un piccolo estratto dell'intervista al nostro
http://www.ilpost.it/2012/02/08/james-deen/

James Deen, attore californiano, ha 26 anni, lavora nell’industria pornografica da 7 e sogna di entrarci da quando era bambino. Sta riscuotendo un successo crescente presso il pubblico femminile, solitamente una minoranza tra i fruitori del porno: parte delle sue fan sono addirittura adolescenti, dai 15 anni in su, incoraggiate dalla facilità con cui è possibile contattarlo su Twitter e rassicurate dal suo aspetto estremamente ordinario, come hanno raccontato nelle scorse settimane molti media americani, e soprattutto dopo che qualche giorno fa se n’è occupata la trasmissione televisiva Nightline sulla rete ABC.

_________________
Meglio essere felici che avere la verita' in tasca


sabato 31 agosto 2013, 10:01
Profilo
Stagionale
Stagionale
Avatar utente

Iscritto il: domenica 27 settembre 2009, 14:53
Messaggi: 180
Località: Roma
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
E' tutta una questione di "moda".... che in Italia, dove TUTTO è politica si muove su due fronti:

se Saviano o qualche altro esponenete dell'intellighenzia radical chic promuovesse il nudismo

e se

Novella 2000 e Studio Aperto dicessero che il nudismo è "di moda" (quest'anno invece gran servizi sul topless che prmai è out)

gli italiani percoroni diventerebbero di colpo tutti nudisti, fidatevi di me!


domenica 1 settembre 2013, 7:15
Profilo WWW
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 3656
Rispondi citando
Ciao Atter, anche se ora ci hai messo anche "studio aperto", abbiamo capito che non ami Saviano e la sinistra, ma fatico a credere che sia tutta colpa loro...(vabbè che visto che mangiano i bambini vuol dire son capaci di tutto... :lol:)

Ti faccio però notare che anche Berlusconi avrebbe potuto promuovere il naturismo! E non solo! avrebbe potuto fare una legge come e quando voleva ma si è ben guardato dal farlo....

Il fatto è che sia Berlusconi che Saviano (e chiunque altro tu voglia segnalare) sono Italiani come tutti noi e non possono promuovere una cosa che probabilmente non conoscono se non per sentito dire! Io non so con chi tu pratichi naturismo ma quanti dei tuoi vicini di casa sono o si dichiarano naturisti? quanti dei tuoi parenti? e i colleghi di lavoro? E le donne poi?

Se Berlusconi o Saviano (solo per far due nomi...) fossero naturisti convinti, forse farebbero qualcosa per il naturismo. Non sono affatto convinto che il loro esempio basterebbe (anzi sono convintissimo del contrario) ma sarebbe un aiuto!

D'altra parte se fossero naturisti loro, probabilmente lo sarebbero anche tanti altri, e in questo caso il loro aiuto non sarebbe nemmeno necessario!

_________________
nemo


lunedì 2 settembre 2013, 14:02
Profilo
Stagionale
Stagionale
Avatar utente

Iscritto il: domenica 27 settembre 2009, 14:53
Messaggi: 180
Località: Roma
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Gli italiani amano riempirsi la bocca per cose che non hanno mai sentito dire! Guarda gli sport olimpici... non appena la tv ne parla tutti si scoprono grandi esperti di curling e tiro al piattello...

O, per rimanere in ambito sportivo, il Rugby... che fine a qualche anno fà non se lo ca...va nessuno.

Per quanto riguarda la poltica... anche la sinistra quando è stata al governo non ha fatto nulla in proposito... dato che non rientra nei loro interessi. E' come la vecchia barzelletta "Come mai il Governo sta spendendo miliardi per risturtturare le prigioni e trascura le scuole? Perché i politici sanno bene che a scuola non torneranno!"

Però torno ad affermare che se il nudismo fosse sdoganato "culturalmente" (e non con servizi prugunirosi come quello di ieri dalla D'Urso) le spiagge nudiste tornerebbero in auge...


martedì 3 settembre 2013, 9:18
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 90 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010