Oggi è sabato 19 ottobre 2019, 9:07



Rispondi all’argomento  [ 83 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo
 Dove sta andando il naturismo? 
Autore Messaggio
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 4080
Rispondi citando
Premesso che io ho sempre il massimo rispetto per chi mi rispetta: se la legge regionale dell’ Emilia Romagna in tanti anni non ha prodotto assolutamente niente, vuol dire che qualche non piccolo difetto ce lo deve avere oppure vuol dire che le leggi regionali non servono a niente!

_________________
nemo


mercoledì 9 ottobre 2019, 16:45
Profilo
Assiduo
Assiduo

Iscritto il: martedì 10 maggio 2011, 10:48
Messaggi: 524
Località: vicenza
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
polemiche a parte, è evidente che il naturismo soffre di un irrisolto problema di ricambio generazionale, anche all'estero.
un elemento che viene spesso taciuto o quanto meno sottovalutato è l'avvenuta introduzione nel sistema sociale dei vari facebook instagram etc.
oggi quasi tutti i nostri ragazzi possiedono un account su uno o più di questi famigerati "costruttori di immagine" e sappiamo quanto l'immagine conti oggi più che mai per le generazioni dei più giovani di noi, dei nostri figli o nipoti.
ora, io ritengo molto difficile che questi strumenti di socializzazione possano in qualche misura incentivare un giovane al nudonaturismo.
è pur vero che fb è l'emblema planetario della nudofobia e censura tutto e di più, ma quotidianamente si viene a sapere che immagini intime vengono scambiate su whatsapp da bambini e adolescenti sui famigerati gruppi, distante dalla censura di fb.
un atto che ai miei tempi poteva rimanere riservato come l'aver praticato da soli o con qualcuno il naturismo, oggi sarebbe per i miei figli praticamente pubblico in tempo reale... la stessa condivisione della posizione attiva può essere pericolosa.... la cosa sarebbe vista evidentemente molto negativamente, a meno che protagonisti del web (tipo la ferragni) non si schierassero apertamente a favore! temo però che questo non possa accadere...
mi piacerebbe conoscere il vostro punto di vista su questa mia riflessione


domenica 13 ottobre 2019, 21:34
Profilo
Assiduo
Assiduo

Iscritto il: lunedì 31 ottobre 2016, 11:43
Messaggi: 518
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
market58 ha scritto:
polemiche a parte, è evidente che il naturismo soffre di un irrisolto problema di ricambio generazionale, anche all'estero.
.....

Condivido in pieno questa tua frase, che si collega poi al resto del messaggio.
Chissà quanti, tra i giovani e i giovanissimi, conoscono la pratica del naturismo (e per conoscenza non intendo il "sentito dire").
Nelle varie spa che abbiamo frequentato o nelle spiagge FKK slovene (per ora abbiamo visitato solo quelle), i giovani erano forse l'1/2% della popolazione presente.
Sicuramente i social influenzano i loro comportamenti, su quello c'è poco da fare. Probabilmente hanno anche in mente altro che non provare saune o spiagge FKK, che tra l'altro in Italia non sono neanche così diffuse.


lunedì 14 ottobre 2019, 8:16
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 4080
Rispondi citando
Cita:
Market:
....... è evidente che il naturismo soffre di un irrisolto problema di ricambio generazionale, anche all'estero.......
........un atto che ai miei tempi poteva rimanere riservato come l'aver praticato da soli o con qualcuno il naturismo, oggi sarebbe per i miei figli praticamente pubblico.........


Secondo me non bisogna generalizzare troppo:

C'è una grande differenza tra il quasi inesistente nudo-naturismo italiano e quello della maggior parte degli altri Paesi Europei, ma c'è anche differenza tra Croazia e Francia o tra Francia e Spagna, ecc! C'è poi differenza tra il modo di praticare all'interno del medesimo paese!

Parlare di "ricambio generazionale" in Italia fa quasi tenerezza!
Quando c'è mai stata una generazione naturista in italia?
A parte il movimento Hippy (da noi molto marginale) e quello sessantottino, entrambi rientrati rapidamente e legati alla libertà sessuale, i naturisti da noi sono sempre stati quattro gatti che scoprivano il piacere della nudità rigorosamente da adulti dopo aver ricevuto un'educazione sessuofoba e "nudofoba" da giovani!

Non è che prima di Facebook e compagni le nostre spiagge fossero piene di nudisti! Si dirà: per colpa dei divieti! Che però son sempre stati accettati e spesso perfino incoraggiati dall'opinione pubblica, altrimenti sarebbero decaduti da tempo!

All'Estero: ovviamente una cosa sono i Centri nudisti, dove c'è un'educazione al nudo fin dalla nascita e che probabilmente sono un po' in declino per una serie di ragioni che se volete posiamo analizzare in un altro momento, un'altra le spiagge c/o, dove ci si spoglia davanti a gente in costume:
Ovvio che lì dipende molto, oltre che dalla moda, da come la nudità viene percepita:
Ad esempio in Spagna, dove il nudo è molto più accettato e non solo per legge, si spogliano anche molti giovani e giovanissimi. in Francia già meno...in Italia..lasciamo perdere, ma Facebook, secondo me, c'entra assai poco!

_________________
nemo


lunedì 14 ottobre 2019, 16:05
Profilo
Assiduo
Assiduo

Iscritto il: martedì 10 maggio 2011, 10:48
Messaggi: 524
Località: vicenza
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
secondo me invece esiste una correlazione diretta tra il calo dei giovani che lamentano TUTTI i paesi compreso il nostro e l' "avanzata" di internet nel tessuto sociale.
persino la germania abbiamo avuto modo di leggere qui da qualche parte ha lo stesso "problema"...
la coincidenza temporale a me appare evidente e mai prima degli ultimi anni si è verificato il calo che tutti denunciano e attribuiscono a meri motivi anagrafici e di mancanza di ricambio.
che poi sia come ipotizzato prima colpa di facebook e/o dei social in generale o di altri fattori promossi dalla rete è tutto da analizzare...
io, nel mio piccolo, anni fa speravo che la rete avrebbe rappresentato una grande opportunità di sviluppo per il naturismo, a cominciare dallo sdoganamento universale del nudo.
evidentemente non ho studiato sociologia....


lunedì 14 ottobre 2019, 16:18
Profilo
Habitué
Habitué
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 28 dicembre 2009, 0:56
Messaggi: 293
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Secondo me invece i social sono determinanti.
Il nudo è stato demonizzato che si sono create due realtà ben distinte secondo me, la parte dove il nudo è visto come il male e la parte pornografica.
Se parli ad un giovane dell'esperienza naturista ti scambia per matto e ti chiede "a cosa serve?"


lunedì 14 ottobre 2019, 16:57
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 4080
Rispondi citando
Se le cose stanno davvero come dici, market, meglio non farlo sapere troppo in giro!

Chi mai punterebbe su un settore turistico in netta diminuzione? :roll:

Però un lato positivo ci sarebbe: credevamo di essere il fanalino di coda e invece si scopre che eravamo davanti a tutti! :ghgh:

Però consentimi di insistere: un conto sono i naturisti iscritti alle associazioni e frequentatori dei centri naturisti (come ho detto prima anch'io temo siano in calo...),un altro i frequentatori più o meno occasionali di spiagge c/o, che potrebbero essere in aumento (naturalmente all'estero) proprio a causa della caduta (al'estero..) di alcuni tabù sul nudo! in ogni modo questi chi li conta?

_________________
nemo


lunedì 14 ottobre 2019, 17:04
Profilo
Assiduo
Assiduo

Iscritto il: martedì 10 maggio 2011, 10:48
Messaggi: 524
Località: vicenza
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
mah io non vedo differenza quantitativa tra i centri nat e le spiagge c/o... secondo me vanno di pari passo.
sì, eravamo davanti a tutti! bella consolazione!
chi mai punterebbe su un settore turistico in netta diminuzione? beh, è esattamente quello che sta succedendo!
falco asserisce che "Se parli ad un giovane dell'esperienza naturista ti scambia per matto e ti chiede "a cosa serve?" è proprio qui il problema !!!!
la rete, facebook google e i loro mefitici algoritmi gestiscono oggi la costruzione (e manipolazione) dei gusti dei consumatori.
oggi il costume sociale non contempla neanche lontanamente il naturismo (e non fate battute sul costume...).
la rete però rende la massa succube di inputs e condizionamenti in modo estremamente volubile.
in questi tempi l'accezione avversa al naturismo ha la meglio ma....
qualche tempo fa avevo ipotizzato che la ferragni di turno un giorno si pronunciasse a favore: avete idea di cosa succederebbe e in che poco tempo?!?
i cosiddetti "influencers" hanno acquisito un potere inaudito sulle giovani leve di questa insulsa società!
riflettendo, mi viene da dire che è quella la direzione a cui indirizzare gli sforzi di promozione delle varie associazioni!
ne basterebbero uno o 2 di ferragni che "confessassero" (magari a pagamento, perché no) di apprezzare e condividere la nostra causa e vedreste che "magicamente" i numeri cambierebbero, l'opinione e il sentir comune virerebbero a nostro favore e chi si proclamasse "contro" sarebbe bannato e escluso!
non sottovalutate il potere della rete! oggi gira così (male) ma è un attimo a cambiare! mai dire mai diceva qualcuno...


lunedì 14 ottobre 2019, 17:26
Profilo
Celebrità
Celebrità
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 febbraio 2006, 13:51
Messaggi: 2484
Località: Direttrice nord-est/sud-ovest
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
market58 ha scritto:
ne basterebbero uno o 2 di ferragni che "confessassero" (magari a pagamento, perché no) di apprezzare e condividere la nostra causa e vedreste che "magicamente" i numeri cambierebbero, l'opinione e il sentir comune virerebbero a nostro favore e chi si proclamasse "contro" sarebbe bannato e escluso!


È quello che sto dicendo io, da quando la Ferragni ancora non la conosceva nessuno...

_________________
La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l'occasione.


lunedì 14 ottobre 2019, 19:09
Profilo
Habitué
Habitué
Avatar utente

Iscritto il: martedì 27 dicembre 2016, 1:12
Messaggi: 430
Località: Campania
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Credo anch'io che le cosiddette "reti sociali" (social networks) abbiano preso un posto molto importante nella maniera in cui le generazioni nate dagli anni '80 in poi costruiscono (spesso troppo!) l'immagine di sè stessi, e in funzione di ciò gestiscono le relazioni sociali reali.

Tralasciando l'eccessiva importanza data alla costruzione di un'immagine esteriore di sè stessi, peraltro già affrontata in altre conversazioni anche qui, mi soffermerei brevemente sulla concezione della nudità che ne è in parte conseguenza.
L'immagine del corpo è divenuta più che in passato veicolo di autopromozione, in un luogo virtuale dove il corpo non c'è, e quindi non ci sono le sue percezioni sensoriali. Il corpo nudo del naturista è un corpo che gioisce dei cinque sensi, dell'aria che accarezza la pelle finalmente fatto organo uno senza soluzione di continuità, dei raggi del sole, della spazialità aperta dei luoghi... Tutto ciò non esiste nella dimensione "piatta" dello schermo: in essa l'immagine si presta ad essere promozione, e oggetto di giudizio superficiale (i "likes").

I social hanno tristemente amplificato i pregiudizi negativi preesistenti, invece di contribuire a riflettere su di essi, ed eventualmente favorire un loro abbandono nelle persone in cui ci sia un animo fertile a ciò. La costruzione dell'immagine s'è fatta spesso strumento della diffusione del consumo, entrando nello spazio personale di ciascuno. La banalizzazione e piattezza, ben evidenti nella già citata impossibilità di condurre una conversazione di qualità su facebook, si ritrovano anche nella considerazione sulle immagini. C'è da dire che questo già accadeva prima di internet con delle discutibili riviste sedicenti "naturiste" tutte foto e poca sostanza, che infatti oggi sono finite scannerizzate sul web, ma avevano una diffusione molto più limitata e nascosta. Cosa ne ricaverebbe dunque un giovane dalla pubblicazione di un suo nudo sui social? Probabilmente stigmatizzazione sociale, ridicolizzazione. Persino ricatto, soprattutto se si tratta di una donna.

Nel mondo virtuale di internet, il nudo ha iniziato a collegarsi sempre più alla pornografia (colpevolmente lasciata in rete senza alcuna forma di controllo, diversamente da quanto quasi ogni società ha fatto sinora nei luoghi reali), ribadendo quella piattezza dove il corpo dell'altro ha una sola dimensione, quella della fonte dello stimolo per la pulsione sessuale. Mentre sappiamo bene che, per una persona equilibrata nel mondo reale, il corpo dell'altro insieme all'eventuale portata erotica offre notevoli altri spunti legati agli stimoli legati a tutti i sensi, e all'animo (il tono della voce, i ricordi suscitati, le sensazioni tattili, i colori, il piacere della condivisione dei punti di vista...)

E' difficile restituire alla nudità la sua dignità piena su internet. Però devo dire che progetti come "Get Naked Australia" e "The Naked Wanderings" che sono stati lanciati su facebook e instagram e che vi invito a visitare, mostrano come vi sia spazio anche per la promozione delle qualità del naturismo attraverso degli scatti fotografici e dei brevi testi ben scritti. Get Naked Australia è molto interessante anche in quanto contenitore non individuale ma collettivo, in cui la forza della condivisione di uno spirito sembra riuscire a superare i pregiudizi.
Anzi proprio in questa piattezza tali esperimenti naturisti sui social ci evidenziano quanto il naturismo sia essenziale oggi più che ieri per ricordare che la nudità ha dignità e valore prima e oltre la sessualità e l'esibizione del corpo, e che un più sereno approccio alla nudità influenza anche positivamente la percezione del corpo e dà equilibrio alla sfera sessuale, e consentirebbe alle generazioni più giovani di superare tante insicurezze che hanno riguardo il proprio corpo, proprio a causa di questo contesto in cui sono immerse.

_________________
In alto, sotto la testata, clicca su PORTALE di eXtraVillage: nella pagina caricata troverai un riquadro con gli ultimi dieci interventi del forum.


Ultima modifica di ionudista il lunedì 14 ottobre 2019, 22:21, modificato 2 volte in totale.



lunedì 14 ottobre 2019, 21:15
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 4080
Rispondi citando
Naturalmente, in assenza di cifre precise, possiamo dire qualunque cosa, ma non metterei sullo stesso piano naturismo delle associazioni ed il nudismo delle spiagge c/o! Dire che vanno di pari passo è arbitrario almeno quanto dire che non lo è.

Comunque vorrei capire: siamo tutti d'accordo sul fatto che il nudo-naturismo è ormai in declino ovunque o è un'opinione di Market?

Io riguardo ai social network ci andrei cauto:
di sicuro non hanno alcuna influenza da noi! Quando mai gli Italiani, giovani o vecchi, si sono accostati al naturismo? Come facciamo a dire che è in diminuzione una pratica da noi da sempre conosciuta solo attraverso le barzellette?
Ci sono meno naturisti in Italia oggi che vent'anni fa? A me casomai sembra il contrario!

All'estero invece hanno un'influenza negativa? E cosa ne sappiamo? Conoscono la Ferragni in Spagna?

Cita:
Ionudista scrive:
Cosa ne ricaverebbe dunque un giovane dalla pubblicazione di un suo nudo sui social? Probabilmente stigmatizzazione sociale, ridicolizzazione. Persino ricatto, soprattutto se si tratta di una donna


Ma questa scusate, non è mica colpa dei social! E' colpa di come la nostra società stigmatizza il nudo!
Certo che se noi per primi pensiamo che il nudismo andrebbe praticato di nascosto...i social di colpa ne hanno pochina!

_________________
nemo


lunedì 14 ottobre 2019, 22:01
Profilo
Habitué
Habitué
Avatar utente

Iscritto il: martedì 27 dicembre 2016, 1:12
Messaggi: 430
Località: Campania
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
Carlo non è così.
La rete sociale su internet è un luogo virtuale connesso con tutti i contatti a cui tu hai dato accesso, e se non lo specifichi diversamente a tutto il mondo che accede a internet.
Ciò è profondamente differente dalla scelta di condivisione che tu fai con chi, conosciuto nella realtà, sai che ti può capire, e in cui hai riconosciuto dei segni di apertura verso la nudità del naturismo. Io personalmente ho condiviso con amici il racconto dell'esperienza naturista, e alcuni li ho anche invitati, ma non mi sentirei mai di parlarne sui social, dove è praticamente impossibile fare una conversazione sensata.
Quindi mi sento di dire che questi strumenti cosiddetti "social" non aiutano la diffusione del naturismo, anzi secondo me la rendono più difficile. Mentre rendono più facile veicolare contenuti legati ai beni di consumo per esempio.

Sul declino generale del naturismo non ho gli strumenti per giudicare: sono troppo giovane e lo vivo da troppo poco (circa dal 2008).

Certo che conoscono la Ferragni in Spagna, la conoscono pure negli Stati Uniti e in Cina...

_________________
In alto, sotto la testata, clicca su PORTALE di eXtraVillage: nella pagina caricata troverai un riquadro con gli ultimi dieci interventi del forum.


lunedì 14 ottobre 2019, 22:04
Profilo
Mito
Mito

Iscritto il: sabato 29 aprile 2006, 19:13
Messaggi: 4080
Rispondi citando
Un momento: io non ho mai detto che i social possano aiutare il naturismo e men che meno ho detto che pubblicherei le mie foto naturiste sui social!


Però il timore di esporsi allo stigma o al ridicolo sui social è il medesimo che da sempre ha impedito il diffondersi del naturismo da noi ben prima dei social!
Per questo dico che almeno da noi non possono aver peggiorato....il peggio che c'era già prima!

D'altra parte, se vai con amici fidati che ti capiscono...non penso che ti pubblicheranno sui social!

Mentre ti ripeto: in Spagna ho visto moltissimi giovani che evidentemente questi problemi non se li fanno!

Il fatto è che se il nudismo al mare non è motivo di vergogna o disagio di fronte agli altri, non c'è motivo di temere i social, non al punto almeno da rinunciare a spogliarsi, se invece è motivo di disagio...lo è comunque, social o non social!

Non ti rilassi al mare se pensi "cielo, qualcuno potrebbe vedermi e criticarmi o ridere di me e farlo sapere in giro"!

_________________
nemo


lunedì 14 ottobre 2019, 22:42
Profilo
Residente
Residente
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 2 febbraio 2006, 16:07
Messaggi: 1862
Località: Abruzzo
Rispondi citando
carlo ha scritto:
Premesso che io ho sempre il massimo rispetto per chi mi rispetta: se la legge regionale dell’ Emilia Romagna in tanti anni non ha prodotto assolutamente niente, vuol dire che qualche non piccolo difetto ce lo deve avere oppure vuol dire che le leggi regionali non servono a niente!

La legge regionale "perfetta" sarà realtà solo quando saranno previste sanzioni mi spiego:
la legge regionale abruzzese è ottima in quanto prevede la possibilità di autorizzare spazi in spiagge libere senza obbligo della presenza di bagni e servizio di salvataggio inoltre obbliga i comuni, a cui una associazione naturista chiede che un certo luogo venga autorizzato per la pratica nudista, a rispondere entro 60 giorni, accettando la richiesta o facendo una proposta alternativa, però non prevede (qui la pecca) alcuna sanzione se un comune non risponde. In Effetti l'A.N.AB. ha fatto tale richiesta a tutti i comuni della costa abruzzese ma l'unico che ha risposto, secondo legge regionale, è stato quello di Torino di Sangro per cui se neanche Torino di Sangro ci avesse risposto ci troveremmo, in Abruzzo come prima. Ovvero una legge regionale che sostiene il naturismo può far sempre comodo in caso si finisse in tribunale potendo anche "accusare" il comune di non aver dato risposta, come previsto dalla legge, per cui si potrebbe far riferimento ad una specie di silenzio assenso.

_________________
Iscritto ANAB http://www.abruzzonaturista.it/
http://www.facebook.com/pages/Ripuliamo ... 1002200079
Un esempio:
http://www.facebook.com/note.php?note_i ... &ref=share


lunedì 14 ottobre 2019, 23:41
Profilo YIM
Assiduo
Assiduo

Iscritto il: lunedì 31 ottobre 2016, 11:43
Messaggi: 518
Genere (M/F): Maschio
Rispondi citando
carlo ha scritto:
Un momento: io non ho mai detto che i social possano aiutare il naturismo e men che meno ho detto che pubblicherei le mie foto naturiste sui social!


Però il timore di esporsi allo stigma o al ridicolo sui social è il medesimo che da sempre ha impedito il diffondersi del naturismo da noi ben prima dei social!
Per questo dico che almeno da noi non possono aver peggiorato....il peggio che c'era già prima!

D'altra parte, se vai con amici fidati che ti capiscono...non penso che ti pubblicheranno sui social!

Mentre ti ripeto: in Spagna ho visto moltissimi giovani che evidentemente questi problemi non se li fanno!

Il fatto è che se il nudismo al mare non è motivo di vergogna o disagio di fronte agli altri, non c'è motivo di temere i social, non al punto almeno da rinunciare a spogliarsi, se invece è motivo di disagio...lo è comunque, social o non social!

Non ti rilassi al mare se pensi "cielo, qualcuno potrebbe vedermi e criticarmi o ridere di me e farlo sapere in giro"!


Sicuramente non veniamo da un periodo roseo per il naturismo italiano.
Tuttavia la mancanza di giovani che si accostano alla pratica è un problema sentito, discusso anche in altri forum italiani.

Sulla Spagna...beh direi che lì la concezione del naturismo è completamente diversa, forse non è un paragone calzante con la realtà italica :D


martedì 15 ottobre 2019, 8:09
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 83 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010